alpadesa
  
Flash news:   Scontro ieri nel Consiglio comunale straordinario di Atripalda: ok al riconoscimento del debito fuori bilancio di oltre un milione di euro legato ad espropri di terreni in via San Lorenzo. Foto Coronavirus, sospese le gare di basket del prossimo turno Capuano: “domani contro la Paganese vincere per salvarci” Inchiesta scuole, al via l’incidente probatorio con il Ctu nominato dal Gip per verifiche di vulnerabilità sismica sull’”Adamo” e “Masi”. Il sindaco: “attendiamo serenamente che si facciano queste ulteriori valutazioni” Furto aggravato e rapina ad Atripalda e Monteforte, i Carabinieri arrestano un 40enne Coronavirus, summit in Prefettura: tamponi anche all’ospedale “Moscati”. Spena: “niente improvvisazioni” Calcio, l’Abellinum gioca ma vince l’Olympic Sospeso il taglio del filare di pioppi di via San Lorenzo ad Atripalda dopo le polemiche e un incontro di ieri all’Utc Coronavirus, ordinanza del sindaco Spagnuolo: “quarantena per chi viene dalle zone focolaio del Nord Italia” Forza Italia, nominato il nuovo commissario provinciale di Avellino: Fulvio Martusciello subentra a Cosimo Sibilia

La nota – Lo stadio abbandonato, fine ingloriosa del comunale “Valleverde”. Fotoservizio

Pubblicato in data: 10/9/2013 alle ore:21:00 • Categoria: Attualità, EditorialiStampa Articolo

stadio-valleverde-degrado16La “fatiscenza” dello stadio, malgrado un tempo sia stato un simbolo cittadino, la conseguente  impossibilità ad ospitarvi società sportive e i pochi sforzi nel tempo posti in essere per porvi rimedio. Il risultato è un Valleverde “abbandonato” a se stesso, senza agibilità non solo per scarsità di fondi ma anche per “noncuranza” e trascuratezza delle tante Amministrazioni che si sono succedute nel tempo al Comune. Il tutto mentre paesi più piccoli si dotavano di impianti di calcio all’avanguardia, sfruttando progetti ed finanziamenti.
Una struttura, che ancor prima di ospitare squadre di calcio, doveva rappresentare l’emblema della città e della sua gente. Che tristezza ieri pomeriggio aggirarsi tra spalti degradati e non a norma, area di gioco che assomiglia più ad un campo di patate con ristagni d’acqua, inferriate e porte d’ingresso arrugginite che a malapena si sorreggono. Ed ancora spogliatoi con porte divelte, finestre rotte ed infiltrazioni continue. Atripalda possiede un grande patrimonio, lo stadio. Un patrimonio abbandonato che potrebbe essere valorizzato non solo per ospitare degnamente le tre formazioni di calcio cittadino, ma anche gli allenamenti e le rifiniture di squadre di calcio più blasonate che vengono a sfidare l’As Avellino 1912 allo stadio Partenio.
Non prendersene cura significa mancare di rispetto non solo alla città ma anche ai suoi tanti tifosi.

a.p.

stadio-valleverde-degrado0
stadio-valleverde-degrado1stadio-valleverde-degrado3stadio-valleverde-degrado2stadio-valleverde-degrado5stadio-valleverde-degrado4stadio-valleverde-degrado9stadio-valleverde-degrado17stadio-valleverde-degrado8stadio-valleverde-degrado12stadio-valleverde-degrado14stadio-valleverde-degrado18

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

9 risposte a “La nota – Lo stadio abbandonato, fine ingloriosa del comunale “Valleverde”. Fotoservizio”

  1. rino ha detto:

    cara,ass avrai pure poche responsabilità ma non ci credo perchè hai brillato per assenza. tranne le conclusioni e rimetti la delega, tanto nessuno e nato imparato, forse non sei neanche stata aiutata ma e evidente l’assenza della pubblica amministrazione, e le sue responsabilità.

  2. o cinese ha detto:

    Che brutta fine abbiamo fatto. Che soggetti ci hanno e ci stanno amministrando.

  3. paola ha detto:

    NEI COMUNI CIVILI SI VA A VEDERE CHI GESTISCE “LE PROPIETA’ DEL COMUNE” E COME VENGONO MANTENUTE ALTRIMENTI VIENE TOLTA LA CONVENZIONE MA SICCOME SIAMO AD ATRIPALDA DOVE SI SONO VISTE DI TUTTI I COLORI NON DOBBIAMO MERAVIGLIARCI PIU’ DI TANTO

  4. medicina 33 ha detto:

    chi ha cacciato via Sergio ‘a Buccia?
    cominciamo da qua, prima di parlare a vanvera

  5. uanimaropriatorio ha detto:

    chiedere a chi a suo tempo, la precedente amministrazione, ha affidato la gestione del campo sportivo.

  6. ragazzo di destra ha detto:

    Una sola parola Vergognatevi.Sindaco Assessori, jativenne a casa.
    A politica è nata cosa…

  7. gennaro ha detto:

    questa Assessora allo sport, è come un pesce fuor d’acqua. Perchè non rimette dignitosamente almeno le deleghe allo sport? Sarà pure una brava ragazza, ma queste cose sono fondamentali: se non si può dare un contributo è inutile cimentarsi per l’apprendistato. Atripalda, nel frattempo che Lei capisce qualcosa, sprofonda in un declino inesorabile e irrimediabile.

  8. CLAUDIO ha detto:

    CONDIVIDO IN PIENO LA VALUTAZIONE DEL SIG GENNARO MICA SIAMO NATI TUTTI IMPARATI,UNO PIGLIA ATTO DELLA PROPRIA IMPOSSIBILITA’ DI SVOLGERE UN RUOLO E SI TIRA INDIETRO MICA E’ UN REATO ANZI NE ESCE DIGNITOSAMENTE E DIMOSTRA DI NON AVERE PARTICOLARI INTERESSI. QUESTO A MIO AVVISO E’ UN MODO NUOVO DI FARE POLITICA.

  9. luciano ha detto:

    Che scempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *