alpadesa
  
domenica 25 agosto 2019
Flash news:   Oggi inaugura il “Pettirosso”, primo Parco Avventura della cittadina del Sabato Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, solidarietà del sindaco Spagnuolo e dell’Amministrazione comunale di Atripalda Children’s Day 2019, causa maltempo la manifestazione slitta al 7 e 8 settembre Scarichi di acque reflue industriali nel fiume Sabato, i Carabinieri Forestali denunciano il titolare di un’azienda Campagna Abbonamenti 2018/19: Uniti Si Vince Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti

Il solito Avellino da trasferta perde a Como per 1 a 0. Bucaro: “La salvezza non è stata ancora conquistata”

Pubblicato in data: 4/4/2012 alle ore:21:53 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

squadra-avellinoAncora una sconfitta in trasferta per l’Avellino di Mister Bucaro. A Como ennesima sconfitta lontano dal Partenio. Purtroppo è una costante di questa stagione in quanto i biancoverdi non riescono ad esprimersi come tra le mura amiche. A condannare i lupi un calcio di rigore trasformato da Ripa dopo appena un quarto d’ora di gioco e non è servito a nulla giocare per oltre un tempo in superiorità numerica per l’espulsione di Ripa sul finale del primo tempo. Sul tabellino solo una traversa colpita da Lasagna.  Al 90′ a pareggiare il numero di giocatori in campo è stata l’espulsione del capitano dei bianoverdi Ciccio Millesi per somma di ammonizioni. Inevitabile l’ennesima sconfitta in trasferta, dove l’Avellino, fatta eccezione solo per il pareggio di Carpi, ha sempre perso nel girone di ritorno. Il motivo appare scontato:  i padroni di casa hanno dimostrato di avere un buon motivo in più (cercare importanti punti salvezza) per avere la meglio sulla compagine irpina. l tecnico dei biancoverdi, Giovanni Bucaro, commenta così la battuta d’arresto di Como: «La sconfitta di oggi unita agli altri risultati negativi rimediati nel girone di ritorno sono un campanello d’allarme. Un solo punto rimediato contro il Carpi in trasferta e questo ci dovrà far riflettere». Sulla partita giocata in superiorità numerica per quasi un tempo l’allenatore ha affermato: «Abbiamo giocato con l’uomo in più fin quando non è stato espulso Millesi. Abbiamo preso una traversa ma purtroppo il gol non è arrivato. Non dobbiamo assolutamente pensare di esser salvi. Fino all’ultima partita – termina Bucaro – la squadra deve giocare alla morte perché tutti pensano che siamo salvi ma fino alla fine con 4 partite e 12 punti a disposizione può succedere ancora il patatrac».

COMO (4-3-3): Giambruno; Ghidotti, Conti, Diniz, Som; Salvi, Ardito, Lulli ( 38′ st Ambrosini); Ciotola (1′ st Tavares), Ripa, Toledo(24′ st Imburgia). A disp.: Twardzik, Vicente, Paonessa, Doumbia. All.: Ramella.
AVELLINO (4-3-3): Fumagalli: Zappacosta, Izzo, Cardinale, De Gol; Malaccari ( 6′ st D’Angelo), Massimo, Arcuri; Lasagna ( 6′ st Thiam), Zigoni, Millesi A disp.: Fortunato, Zammuto, Labriola, Puleo, D’Angelo, Capua, Thiam All.: Bucaro
ARBITRO: Giorgetti di Cesena.
Guardalinee: Manis e Viello.
MARCATORE: 15′ pt rig. Ripa.
AMMONITO: Toledo(C)
ESPULSO: 43′ pt Ripa (C) ed il tecnico del Como Ramella per proteste; al 17′ st Paonessa(C) dalla panchina; al 43′ st Millesi (A)

NOTE: spettatori 1.000 circa. Angoli: 8-4 per l’Avellino. Rec:3′ pt e 5′ st

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *