alpadesa
  
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Biancolino stende l’Andria e rilancia la corsa dell’Avellino. A fine gara il Pitone: “Aspettavo questo momento”

Pubblicato in data: 10/12/2012 alle ore:13:30 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

biancolino_raffaeleRaffaele Biancolino stende l’Andria e rilancia l’Avellino in classifica, ora ad un solo punto dalle capoliste (Pisa e Latina). Un doppietta secca che riporta il Pitone anche tra i migliori marcatori del campionato.
Ad avvia di gara mister Rastelli lancia nella mischia Millesi e Biancolino. Con Fumagalli in porta Zappacosta e Pezzella sugli esterni ed il duo Izzo-Giosa in mezzo. Mediana con D’Angelo, Massimo e Angiulli. Millesi dietro al duo Biancolino-Castaldo.
Al terzo padroni di casa subito pericolosi. Ingenuità di Izzo ne approfitta Taormina che fa partire il contropiede e serve l’ex Foggia Lanteri. Il francese cerca di piazzare la sfera sul primo palo, ma Fumagalli risponde presente ribattendo con il piede. Al 19′ l’Avellino passa in vantaggio con Biancolino che con una gran botta su calcio di punizione batte Rossi e porta i lupi in avanti. I lupi chiudono in vantaggio la prima frazione di gioco. Nella ripresa i lupi trovano il gol del 2-0 al 3′ sempre grazie al “Pitone” Biancolino che di testa dopo una bella triangolazione con Castaldo mette alle spalle dell’estremo difensore azzurro. Gioia a fine gara per Biancolino che appare contento per la doppietta: “Era importante vincere, ci siamo riusciti su un campo difficile. Era tanto che aspettavo questo momento. Ci tengo a questa maglia e non vedevo l’ora di gonfiare la rete e partire dall’inizio. Ho dimostrato ancora una volta chi è Biancolino. Le critiche mi caricano, sono anni che vado avanti per la mia strada. Quando uno fa bene si prende gli applausi, quando fa male si prende gli insulti. Ho fatto tanto per tornare ad Avellino. Spero di continuare a giocare, mi alleno e cerco sempre di dare il massimo“.

RISULTATO: Andria-Avellino 0-2
ANDRIA (4-4-2): Rossi; Tartaglia, Larosa, Zaffagnini, Contessa; Arini, D’Errico (40′ st Loiodice) Giorgino, Taormina (29′ st Mascolo); Lanteri (1′ st Comini), Innocenti. A disp.: Sansonna, Nocerino, Scrugli, Malerba. All.:Cosco.
AVELLINO (4-3-1-2): Fumagalli; Zappacosta (29′ st Bittante), Izzo, Giosa, Pezzella (35′ st Bianco); D’Angelo, Massimo, Angiulli; Millesi (7’st Catania); Biancolino, Castaldo. A disp.: Orlandi, Herrera, Bariti, De Angelis. All.:Rastelli
ARBITRO: Rocca di Vibo Valentia
Guardalinee: Colì di Bologna e Villa di Rimini
MARCATORE: 19′ pt e 3′ st Biancolino (Av)
AMMONITI: Larosa (An), Contessa (An), D’Errico (An), Taormina (An) Millesi (Av), Zappacosta (Av).
NOTE: Angoli.: 7-1 per l’Andria. Rec: 0′ pt; 4’st

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *