alpadesa
  
Flash news:   Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza

Prevenzione della Rosolia congenita, alla Casa di Cura Santa Rita è partita la campagna vaccinale gratuita per tutte le donne in età fertile

Pubblicato in data: 24/1/2013 alle ore:08:33 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

clinica_santa ritaPrevenzione della Rosolia congenita, alla Casa di Cura Santa Rita è partita la campagna vaccinale gratuita per tutte le donne in età fertile. La rosolia è una malattia infettiva che si manifesta con la caratteristica eruzione cutanea. Solitamente benigna nei bambini, diventa pericolosa se contratta dalla donna in gravidanza per le gravi ripercussioni sul feto se contratta nel primo trimestre (morte intra-uterina, aborto spontaneo, gravi malformazioni fetali, ritardo mentale del neonato) in quella che è definita SRC Sindrome della rosolia congenita. Prevenire si può, esiste perciò un Piano Nazionale ministeriale per l’eliminazione del morbillo e della rosolia congenita che dovrebbe conseguire l’eliminazione della rosolia endemica e la riduzione di quella congenita a 1 caso ogni 100.000 nati vivi entro il 2015. Questa battaglia si combatte con un solo mezzo, la vaccinazione delle donne in età fertile e che non sono immunizzate alla malattia. La Casa di Cura Santa Rita di Atripalda ha perciò deciso di dare il proprio contributo alla lotta alla rosolia congenita mettendo a disposizione i propri ginecologi per visite ambulatoriali e la somministrazione del vaccino, tutto gratuitamente. L’iniziativa è riservata alle donne che hanno partorito alla Santa Rita, a quelle che hanno praticato un’interruzione di gravidanza e tutte le altre in età fertile non immuni. La visita ginecologica e la somministrazione del vaccino sono gratuite, il TORCH, esame necessario per individuare la presenza degli anticorpi, può essere fatto con impegnativa del medico curante. L’ambulatorio di Lotta alla rosolia congenita è operativo nel periodo presso il reparto di Ginecologia e Ostetricia della Casa di Cura Santa Rita. E’ necessario prenotarsi telefonando al centralino 0825 629011. “Dopo il Corso di Accompagnamento alla Nascita che ha avuto un grande successo e che ripeteremo – spiega la Responsabile della Qualità e del personale della Santa Rita, prof. Virginia Mazzon – vogliamo continuare a essere vicini alle donne; quest’ambulatorio per la lotta contro la Rosolia Congenita ne è un esempio, come anche l’ambulatorio ginecologico sempre gratuito e finalizzato alla prevenzione che prenderà il via nei prossimi giorni”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *