alpadesa
  
Flash news:   Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto

Casa di Adele, la Cisl Fp: “L’Acli si assuma responsabilità, non venga a fare demagogia”

Pubblicato in data: 18/3/2013 alle ore:21:27 • Categoria: Attualità

prefettura-av  circolo stampaIl tavolo in Prefettura del 14 marzo è stato insoddisfacente e non per la mancanza di soluzioni possibili ma per l’ancoraggio più o meno forte delle parti alle proprie rispettive ragioni, ignorando il senso proprio dell’incontro, ossia la conciliazione, letteralmente l’accordo, l’armonizzazione tra le distinte tesi, preludio alla concertazione nobile e produttiva. Tutti i partners (ASL, Consorzio, Comune, Acli) hanno espresso soddisfazione per il progetto de La Casa di Adele, ne hanno riconosciuto l’utilità ancora attuale, seppure da inquadrare, gioco-forza, nella discutibilissima legislazione in vigore. Allora facciano di più! Ad oggi è sincero l’impegno di ognuno a collaborare per progredire? Secondo noi c’è ancora un esile margine; di certo, inasprire i rapporti e autoreferenziarsi, per riprendere le parole dell’ing. Florio, non è un buon viatico – riferisce il Segretario Generale CISL FP Doriana Buonavita. Al management e ai lavoratori tutti inoltre, si invita a riflettere, volenti o nolenti, che se vogliono continuare ad identificarsi nei loro ruoli devono ricordare di essere elementi dipendenti l’uno dall’altro, che sono parte di un unica indivisibile entità che è l’Azienda. Paragonandoci forzatamente ad una famiglia, è noto come lo sfascio traumatico di essa rappresenta sempre la sconfitta di tutti i componenti; per il bene delle sane famiglie e al contempo dei singoli infatti, ognuno soccorre e si fa soccorrere quando necessita, con trasparenza, umiltà, rispetto e riconoscimento reciproco. I lavoratori fino ad oggi sono venuti in soccorso e sono ancora disposti a farlo, ma da soli non possono; hanno sostenuto la quota capitale aziendale indebitandosi singolarmente ed è ora che, seppur progressivamente, sia l’azienda Acli ad assumersi direttamente questo rischio e questo onore – è la considerazione della RSA CISL Ilario Ferrara. La CISL FP e i propri iscritti fin dalla fine deludente dell’incontro in prefettura hanno fatto quadrato per ritrovare lucidità, coraggio e azione propositiva mantenendo vivi i contatti con l’Asl e l’Azienda, per non far svanire nel nulla le potenzialità venute fuori dal tavolo istituzionale di conciliazione. L’Azienda pare abbia capito, se ben si legge il senso della richiesta d’immediato incontro con le organizzazioni sindacali fissato per domani martedì 19 alle ore 18:00, che non c’è più tempo per indugiare e che solo un suo sostanziale e tangibile impegno propositivo può evitare di inasprire i rapporti con l’innalzamento di barricate. La Cisl FP nella veste che è propria dei sindacati, si propone interlocutore utile a ricercare le soluzioni che tengano in giusto conto le ragioni dei lavoratori rifiutando il ruolo di cieco difensore di ragioni di parte. Ma sia chiaro, non saremo mai dei portavoce, ma seri e duri, se sarà il caso, partecipanti alla partita. L’Azienda non venga a fare demagogia e promesse vane. Questa è un’opportunità che abbiamo stimolato con favore, ma non venga ad offendere la nostra disponibilità e quella dei lavoratori. La CISL FP si lega al vincolo di avere programmazioni serie, credibili e verificabili per la regolarizzazione del pagamento delle spettanze stipendiali future e pregresse. Ma si sottolinea se non fosse chiaro, che ai lavoratori va data la possibilità di un immediato respiro: non hanno margini per affrontare l’adesso più che l’oggi” conclude il Segretario Generale CISL FP Doriana Buonavita.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Vertenza “La Casa di Adele”, fumata nera ieri sera dal tavolo convocato in Prefettura. D’Acunto (Cgil): “Pronti ad iniziative eclatanti”

Dipendenti senza stipendio alla comunità terapeutica residenziale «La Casa di Adele» di Atripalda, fumata nera ieri sera dal tavolo convocato Read more

Senza stipendio e futuro a “La Casa di Adele”, l’appello dei lavoratori

Nonostante il già avvenuto interessamento dei mezzi d'informazione nella fine del 2012 sull'incresciosa situazione della comunità terapeutica residenziale “La Casa Read more

Fibrillazioni a “La Casa di Adele”, i dipendenti lanciano nuovo allarme: “Chiediamo risposte concrete, il nostro futuro è a rischio”

"Chi fa assistenza è ridotto a chiederne, è questo il paradosso e la regola di questi tempi". Scrivono in una nota Read more

Emergenza neve, nessun danno interno agli edifici: si torna a scuola mercoledì 15 febbraio

Mattinata intensa per gli operai, i mezzi e i dipendenti del Comune di Atripalda, impegnati a fronteggiare l'emergenza neve. Sono Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *