alpadesa
  
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

Sidigas troppi errori, Venezia passa al Pala Del Mauro: 71 – 76. Foto Servizio

Pubblicato in data: 13/10/2014 alle ore:09:22 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

sidigas-venezia-5L’Umana Reyer Venezia sbanca il Pala Del Mauro e conquista i primi tre punti della stagione. Troppi errori, soprattutto nei tiri liberi, per la Sidigas che non riesce a conquistare la vittoria nella prima partita della regular season. Grande spettacolo sugli spalti nel pre gara grazie alle due tifoserie, gemellate da tempo, che sfilano sul perimetro di gioco con le rispettive bandiere. Sugli spalti anche il patron De Cesare. Come ci si aspettava dalla vigilia la partita è molto equilibrata fin dal primo quarto con Vitucci che schiera Anosike, Gaines, Hanga, Banks e Lechthaler dal primo minuto. I primi punti sono per Venezia con un tiro da sotto. Nella prima fase ci sono errori da una parte e dall’altra, soprattutto da parte di Avellino che dopo 5 minuti è già sotto di 5 punti (7 – 12). I biancoverdi riescono a recuperare grazie a due azioni da tre punti di Hanga e Gaines che sembrano i più in palla in questa fase.  Il secondo quarto rispecchia l’andamento del primo e per Venezia i migliori sono Moore e Viggiano con Avellino che risponde Anosike e Banks. Il quarto si chiude sul 19 a 16. Nel terzo quarto la Sidigas sembra più contatta e riesce a mettere la testa avanti con un buon gioco corale di squadra, ma il vantaggio potrebbe essere più ampio se non ci fossero errori in fase realizzativa: 54 a 53. Nell’ultimo quarto i biancoverdi riescono anche ad aumentare il vantaggio ma compiononel momento decisivo un piccolo passaggio a vuoto e la squadra di Recalcati riesce a piazzare due bombe consecutive che fanno mettere la testa avanti all’Umana. Avellino non riesce più a reagire e spreca tutto sbagliando tiri liberi decisivi. La partita termina con Venezia che festeggia sotto la curva dei suoi tifosi: 71 a 76 il risultato finale. Ora domenica ad attendere la Sidigas la difficile trasferta di Cantù.

TABELLINO:

SIDIGAS AVELLINO – UMANA VENEZIA: 71-76

Avellino: Anosike 12, Gaines 12, Cadougan n.e., Hanga 10, Banks 15, Cavaliero 8, Cortese 3, Trasolini 5, Severini 0, Lechthaler 2, Harper 4, Severini n.e. Coach: Vitucci

Venezia: Moore 9, Stone 6, Peric 9, Goss 12, Ruzzier 5, Ress 9, Ortner 2, Viggiano 16, Ceron n.e., Dulkys 8. Coach: Recalcati
sidigas-venezia-18sidigas-venezia-16
sidigas-venezia-21sidigas-venezia-19sidigas-venezia-17

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *