alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

Telecamera presso la struttura Desy, la denuncia della Cgil: “Violati diritti umani dei migranti”

Pubblicato in data: 9/9/2015 alle ore:16:02 • Categoria: Attualità

cgilLa Cgil di Avellino sostiene e partecipa alla “Marcia degli Uomini Scalzi”, l’iniziativa in programma per venerdì 11 settembre ad Avellino. La Camera del Lavoro di Avellino prenderà parte con una folta delegazione al percorso individuato dagli organizzatori, dalla Prefettura a viale Platani, come segno di solidarietà e vicinanza al dramma che vivono milioni di immigrati e milioni di popoli.

Da diversi anni, la CGIL di Avellino ha manifestato particolare attenzione al fine di riconoscere alle centinaia di rifugiati presenti in territorio irpino condizioni di vita decorose e rispettose dei diritti umani, contrastando le tensioni  razziste e xenofobe. Dare accoglienza a chi fugge dalla povertà, significa non accettare le sempre crescenti disuguaglianze economiche e promuovere una maggiore redistribuzione delle ricchezze.

La CGIL ritiene che una politica dell’accoglienza diversa può essere attuata, come l’esempio recente della Germania, che considera gli immigrati una ricchezza se la loro gestione è veicolata da criteri di efficienza e soprattutto volta all’integrazione.

“In tal senso – dice una nota del sindacato – appare stridente l’episodio denunciato presso la cooperativa Desy di Atripalda, dove la struttura che ospita gli immigrati è stata dotata di una telecamera di sorveglianza che non ha nessuno scopo di ordine pubblico, ma soltanto di verifica delle attività quotidiane degli stessi. Si tratta di una palese violazione dei diritti umani e per la quale la CGIL ha interessato il Prefetto di Avellino, al fine di conoscere se è legittimo l’uso del dispositivo di controllo senza alcuna motivazione, senza che coloro i quali sono controllati siano  stati informati e se in tal caso possano essere prese tutte le misure al fine di disinstallare la telecamera”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *