domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Rinvenimento strutture murarie di epoca romana in via Appia, la Soprintendenza sospende i lavori nel cantiere

Pubblicato in data: 14/4/2021 alle ore:15:15 • Categoria: Attualità

Durante i lavori presso un impianto di carburanti in Strada Statale 7 Appia ad Atripalda (Av), sono state rinvenute strutture murarie di epoca romana emerse in quello che costituiva l’immediato suburbio dell’antica città di Abellinum.

Subito dopo l’immediata sospensione delle attività finalizzate alla ristrutturazione dell’impianto suddetto, seguite dalla archeologa incaricata dal committente per seguire i lavori di movimento terra, a seguito delle relative prescrizioni imposte dalla Soprintendenza, il funzionario archeologo di zona, con immediato sopralluogo, ha deciso di approfondire e ampliare l’area dell’indagine archeologica.

Rilevati i setti murari, realizzati in opera reticolata nel I secolo a.C. e forse pertinenti all’anfiteatro romano dell’antica città irpina, appurato che gli stessi erano già stati danneggiati dai lavori edilizi effettuati in passato, presumibilmente per la realizzazione dello stesso distributore preesistente, avvenuta nei primi anni Settanta, il funzionario preposto ha dato chiare indicazioni al fine di avere una maggiore conoscenza di quanto emerso.

L’archeologa incaricata dovrà verificare le estensioni dei setti murari affioranti, per quanto ricadenti nell’area di sedime e di servizio del distributore. A conclusione delle indagini si deciderà una valutazione di quanto portato alla luce e del futuro delle strutture scoperte.

Comunicato stampa
Soprintendenza Av-Bn-Sa

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *