Flash news:   Elezioni Provincia di Avellino, cinque liste in corsa: sarà sfida D’Agostino-Buonopane. Per Atripalda in campo il consigliere Franco Mazzariello I fondi della sicurezza urbana per rendere più sicure le strade di Atripalda. Foto Dogana dei Grani, inaugurato l’Infopoint di “Sistema Irpinia”, il sindaco: «un hub per attrarre visitatori ad Atripalda». Foto Periferie nel degrado, la denuncia del consigliere Franco Mazzariello Raccordo autostradale Av-Sa: restringimenti della carreggiata sud ad Atripalda per lavori Natale ad Atripalda con Giullarte e luminarie “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, l’appello dei Carabinieri: “Trovate sempre il coraggio di denunciare” Alvanite, palazzine in pessime condizioni: appello a Spagnuolo: «Attendiamo ancora una risposta» Anfiteatro via Appia, le proposte del comitato Abellinum al sindaco: «Nuova indagine, apposizione del vincolo sull’area e delocalizzazione del distributore». Foto Terremoto dell’80, il sottosegretario all’Interno Sibilia: “Un dovere ricordare le vittime dì quel disastro, che pure però diede i natali al sistema di Protezione Civile”

Un tubo di amianto dinanzi al luogo di preghiera “‘A Preta ’ra Maronna” di Atripalda, polemiche social

Pubblicato in data: 16/7/2021 alle ore:18:14 • Categoria: Attualità

Un tubo di amianto e degrado al luogo di preghiera “‘A Preta ’ra Maronna” di Atripalda, scoppiamo polemiche sui social. La denuncia di un fedele questa volta arriva tramite Facebook e rimbalza sulle pagine cittadine: «Più volte contattato il sindaco Giuseppe Spagnuolo per la rimozione e messa in sicurezza di un tubo di amianto che ormai fuoriesce dal terreno con grave pericolosità per l’incolumità delle persone che si recano in questo luogo di culto. Il rischio correlato all’amianto lo conosciamo bene, quindi tutto ciò risulta essere un fatto gravissimo».
Il luogo di culto si erge sulla sommità di Salita Palazzo, a pochi passi dai binari della linea ferroviaria Avellino-Rocchetta Sant’Antonio, ai alti di una salita che porta a contrada San Gregorio e  altre zone rurali.
Il luogo, che negli anni passati si è trasformato spesse volte in una discarica, è realizzato in pietra e presenta una grotta in cui è collocata la statua della Madonna di Lourdes. Il luogo di culto, una volta riqualificato, fu inaugurato da Monsignor. Antonio Forte, allora vescovo di Avellino.
I cittadini chiedono all’Amministrazione di intervenire per la mesa in sicurezza del tubo che fuoriesce dal terreno e di riqualificare tutto il luogo di culto.
Ancora proteste arrivano inoltre per le fontane non funzionanti di piazza Umberto I e piazzetta Garibaldi nel centro storico, divenute da tempo discariche a cielo aperto. Le due fontane non sono funzionanti da anni e versano in uno stato di degrado.
Fino a pochi giorni fa le due vasche presentavano acqua stagnante che attirava insetti di ogni genere e rifiuti di ogni genere al proprio interno.
In piazza Umberto il degrado riguarda anche lo stato del giardino che circonda la vasca e il parapetto a protezione del Monumento ai Caduti, che sovrasta la fontana pubblica, danneggiato da tempo da balordi.
L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Spagnuolo ha dato mandato nel mese di aprile scorso all’Ufficio tecnico comunale di piazzetta Pergola di avviare la progettazione di sostituzione e/o riparazione delle pompe idrauliche per la riattivazione dei giochi d’acqua nella fontana artistica di piazza Umberto I, ormai ferma da alcuni anni. Ma ad oggi nessun lavoro è stato ancora effettuato.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *