Flash news:   Lavori di ricostruzione scuola media Masi, l’assessore Labate replica: “da Abc solo falsità” Ad Atripalda è “Baraonda”: l’Amministrazione ha presentato il cartellone degli eventi estivi Il team Eco Evolution Bike in ciclo tour dall’Irpinia alla penisola sorrentina Lavori di ricostruzione scuola media Masi, Abc all’attacco: «vigileremo su ogni euro speso, i nostri figli non sanno ancora dove andare» Lavori di ricostruzione scuola media Masi, il sindaco cambia le decisioni prese dall’ex primo cittadino: bocciati i moduli prefabbricati per le aule Indennità di Giunta, l’ex vicesindaco Anna Nazzaro: «come assessori non adeguandoci i compensi abbiamo lasciato nelle casse comunali circa 170mila euro» Presidente del Consiglio comunale: il sindaco Spagnuolo avvia l’iter Indennità di giunta, il vicesindaco Mimmo Landi: «l’ex sindaco la percepiva intera. Attacchi populisti» Indennità di giunta, l’ex assessore Palladino all’attacco: «Avevamo questa possibilità da gennaio e non l’abbiamo fatto» Il Consiglio comunale di Atripalda in seduta balneare e a tempo scaduto approva la salvaguardia degli equilibri di bilancio

Scandone, cala il sipario dopo 73 anni di storia: il Tribunale di Avellino dichiara il fallimento

Pubblicato in data: 31/7/2021 alle ore:08:00 • Categoria: Avellino Basket

La Società Sportiva Felice Scandone Avellino 1948 è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Avellino. Un destino segnato quello del club cestistico del capoluogo irpino, nato il primo luglio 1948, era appeso ad un filo dal maggio del 2019.
Dopo due anni in serie B cala il sipario sulla società, attiva per 73 anni, con la partecipazione a 19 campionati di Serie A (2000/2019), alle coppe europee (EuroLeague, Champions League e FIBA Europe Cup), che ha conquistato la Coppa Italia nel 2008, e semifinale Scudetto in tre stagioni (2008, 2016, 2017).

Nei mesi scorsi il primo liquidatore della Scandone, Luciano Basile, con gli avvocati, Achille e Fabio Benigni, aveva ottenuto la possibilità di determinare un concordato in bianco. Il piano è stato poi disatteso nelle settimane successive. In mattinata il Tribunale di Avellino ha ufficializzato la rinuncia da parte della Scandone, seguita dal nuovo liquidatore, Goffredo Solimeno, e dai nuovi legali, Maria Laura Rosa e Marcello Penta. Il concordato è risultato improcedibile e il Tribunale ha dichiarato il fallimento del sodalizio cestistico con la nomina del giudice e dei curatori determinando modi e tempi per la presentazione dei bilanci e l’elenco dei creditori.

“Il Tribunale di Avellino ha dichiarato improcedibile la domanda di concordato ex art 161 comma 6 L.F della Società Sportiva Felice Scandone s.p.a. in liquidazione ed estinto il relativo procedimento iscritto al n. 4/2021 C.P. La società nata nel 1948 è ufficialmente fallita”.

Con questa nota si chiude la leggendaria storia della SS Felice Scandone Avellino, vanto e lustro per la città e l’Irpinia.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.