Flash news:   Abellinum: centomila euro dalla Provincia di Avellino per l’illuminazione notturna ed eventi di Natale Trentenne di Atripalda denunciato dai Carabinieri per possesso di un coltello a serramanico Caro bollette, fondi dal Comune per le famiglie in difficoltà: domande entro venerdì 9 novembre Dipendenza da consumo di droga, alcol ed episodi di bullismo tra i giovani: convegno al Comune. Foto Laceno d’oro International Film Festival al via ad Avellino Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto

Parco San Gregorio, quindici associazioni ambientaliste in campo: “ferma condanna per i massicci tagli nella Pineta Sessa”

Pubblicato in data: 7/3/2022 alle ore:13:20 • Categoria: Attualità

Le associazioni firmatarie esprimono ferma condanna per i massicci tagli nel parco pubblico di San Gregorio – Pineta Sessa di Atripalda.
In un momento di crisi climatica come questo eliminare d’un colpo centinaia di pini significa essere totalmente fuori dalla realtà. Gli alberi sacrificati non potranno più sequestrare carbonio, con un danno ambientale che eccede i confini della città di Atripalda. Gravi ripercussioni potranno esserci anche sulla fauna selvatica, che ha perso gran parte delle possibilità di rifugio. Allo stesso tempo, si profila una difficoltà di fruizione del bene pubblico per i prossimi decenni, visto il grave pregiudizio arrecato al paesaggio e la drastica riduzione dell’ombreggiamento.
Le associazioni si chiedono, ad esempio, come sia possibile conciliare lo sconvolgimento estetico frutto delle operazioni di taglio con il vincolo paesaggistico che sussiste sull’area (D.Lgs. 42/2004). Obiezione non dissimile per il vincolo idrogeologico, dal momento che la scopertura dei suoli potrebbe favorire l’azione erosiva da parte delle acque meteoriche.
Al di là di questi aspetti che si auspica possano essere accertati dalle autorità competenti, le associazioni stigmatizzano il comportamento dell’amministrazione comunale, che si trincera dietro la regolarità dell’iter burocratico. È questa innanzitutto una questione di opportunità, di etica e di scelte politiche: il comune avrebbe potuto scegliere strade diverse, di gran lunga meno impattanti e in linea con il cambio di paradigma imposto dalla crisi climatica.

Associazioni firmatarie:
Amici della Terra – Club dell’Irpinia
Animerranti APS
ARDEA onlus
ASA – Associazione Intercomunale per la Salvaguardia dell’Ambiente
ASOIM onlus – Associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale
Associazione Culturale VII Circoscrizione – Avellino
Associazione Italiana Wilderness – Sezione Hirpus
Associazione Naturalistica Monti Picentini
Associazione Salviamo la Valle del Sabato
Fototrappolaggio Naturalistico Partenio
GUFI – Gruppo Unitario per le Foreste Italiane 
ISDE – Associazione Medici per l’Ambiente – Sezione Avellino
LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli – Coordinamento Regionale Campania
MoVimento Verde Irpinia 
SOS Natura

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.