Flash news:   Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto I commercianti di via Roma con l’Amministrazione accendono le luminarie di Natale. Foto Alvanite, l’Amministrazione approva il progetto da tre milioni e 500 mila euro di rigenerazione urbana e lo candida a finanziamento “Occhio alla prevenzione”, convegno questa mattina al Comune sui rischi causati dall’utilizzo di sostanze stupefacenti e di alcol Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia

Amministrative 2022, Giuseppe Spagnuolo punta al bis: «Abbiamo trovato una città che era assolutamente ferma, senza progetti e al limite del pre-dissesto. E l’ho riattivata». Foto

Pubblicato in data: 19/4/2022 alle ore:17:52 • Categoria: Politica

«Abbiamo trovato una città che era assolutamente ferma su tutta una serie di attività e aspetti, anche litigiosa tra istituzioni, una cosa che non dimentichiamo. Senza progetti e prospettiva con una difficoltà economica grande per poter fare le cose più basilari. Un comune al limite del pre-dissesto senza progettualità. Noi invece oltre a quello che abbiamo già fatto e che è arrivato a compimento abbiamo gettato le basi lungo le quali andare avanti con determinazione per raccoglierne i risultati».
A parlare è il sindaco Giuseppe Spagnuolo che nel giorno di Pasqua ha inaugurato il comitato elettorale in piazza Umberto I. Nello scambio di auguri con amministratori, consiglieri e sostenitori traccia un bilancio dei risultati raggiunti nei cinque anni di governo della città. Si ricandida a guidare una lista che prevede un mix di uscenti e rinnovamento «in questa settimana definiremo anche il nome della lista. E’ stata un’apertura informale del comitato elettorale per scambiarci gli auguri con chi ci sta già sostenendo e con chi è impegnato nel proporre questa nuova proposta amministrativa. Stiamo già lavorando da tempo e continueremo a farlo in modo sempre più stringente con il contatto con le persone e la presenza nel comitato elettorale per provare a mettere in campo una proposta che sia quanto più in sintonia con la città». Una proposta politica in continuità con l’Amministrazione uscente «è evidente che andiamo in continuità con l’esperienza che sta arrivando al termine provando a capire dove migliorare, modificare e poter spingere in più per i prossimi anni. Sicuramente siamo aperti ad un rinnovamento della proposta e adeguarla alle nuove esigenze di Atripalda» ma sempre in continuità «perché riteniamo di aver superato un periodo di Atripalda lavorando sodo, gettando le basi per un futuro della città sicuramente migliore di come era qualche anno fa».
Spagnuolo rivendica gli obiettivi raggiunti ma tiene a sottolineare il lavoro preparatorio «crediamo di aver posto delle basi importanti che spiegheremo meglio in campagna elettorale. Alcune cose sono date per acquisite ma in realtà c’è voluto impegno, lavoro, costanza e determinazione per portare il comune e la città ad una condizione diversa di come l’avevamo trovata».
Nella nuova lista oltre al vicesindaco uscente Anna Nazzaro e agli assessori Stefania Urciuoli, Nancy Palladino, Mirko Musto, Giuliana  De Vinco c’è l’accordo raggiunto con i socialisti di Ulderico Pacia «ci sarà un giusto equilibrio tra la componente degli amministratori uscenti e un rinnovamento che raccoglierà nuovo entusiasmo e nuove esigenze della città». Ma sui nomi mantiene ancora il massimo riserbo. «In cinque anni abbiamo fatto, secondo me, dei passi importanti difficili anche immaginare. Una tranquillità finanziaria che oggi il comune ha e che può permettersi di organizzare servizi per la città in maniera più puntuale, investimenti in alcune cose programmate e nel poter intervenire quando necessario. Vediamo inoltre un’attività di riqualificazione urbanistica in corso importante, una città che oggi ha fiducia di investire. I privati, gli atripaldesi e gli imprenditori vogliono investire nella città e questo non succede mai a caso, ma quando si ha la percezione e la sensazione di avere a che fare con una pubblica amministrazione capace, con le idee chiare e di saperle portare avanti. Ogni cosa è stata fatta guardando prioritariamente all’interesse pubblico». Scherza sul nome scelto dal competitor Paolo Spagnuolo “Attiva Atripalda” «io ho già riattivato la città». Poi elenca i risultati: il parcheggio pubblico su via Appia «che prima non c’era sempre connessi ad interventi privati come la demolizione di un fabbricato contiguo al ponte delle Filande che sarà messo in sicurezza», ristrutturazione e riqualificazione del mercato «riaprendo via San Lorenzo e consentendoci di alienare il Centro Servizi, un obiettivo da anni dell’amministrazione, riuscendo a vendere in un momento in cui stava diventando pesante il degrado della struttura, recuperandola ad un valore oltre a consentire di riqualificare quella zona da parte del privato. L’Emporio Solidale che non è stato ancora ben valorizzato nella percezione della città ma che rappresenta un salto di qualità rispetto alle fasce deboli, accompagnando con dignità le persone in difficoltà», «abbiamo gestito difficoltà come il Covid e poi la campagna vaccinale in cui siamo dovuti intervenire in maniera diretta e costante con la Protezione civile e le strutture comunali per stare vicino alla popolazione. La campagna vaccinale è stata seguita con grande impegno dalla Protezione civile e dalla Misericordia. Quest’ultimo un soggetto capace, con esperienza e capacità a cui abbiamo affidato, con bando pubblico, la gestione del Centro Diurno per Anziani per poter mettere in campo e gestire attività e dare una risposta importante ad una fascia d’età più anziana della nostra città», «programmazione e progettazione sulle scuole» e altro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.