Flash news:   Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto I commercianti di via Roma con l’Amministrazione accendono le luminarie di Natale. Foto Alvanite, l’Amministrazione approva il progetto da tre milioni e 500 mila euro di rigenerazione urbana e lo candida a finanziamento “Occhio alla prevenzione”, convegno questa mattina al Comune sui rischi causati dall’utilizzo di sostanze stupefacenti e di alcol Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia

Amministrative 2022, il comizio del candidato sindaco di “Atripalda Futura” Giuseppe Spagnuolo. Foto

Pubblicato in data: 7/6/2022 alle ore:10:50 • Categoria: Politica
Ho voluto che i nuovi candidati parlassero questa sera. Ho avuto da loro, al momento di comporre la lista, le prime percezioni positive e favorevoli. Perché loro da cittadini hanno percepito che Atripalda non è stata immobile come qualcuno vuole fare credere, perché Atripalda non è stata immobile. Siamo stati vicini alla gente semplicemente lavorando ogni giorno per la nostra città. Non conosciamo altro modo di farlo. Perciò non sento di dover chiedere scusa di non essere stato fisicamente vicino alla gente. L’ho fatto con il mio lavoro quotidiano. 
Sono stati anni di veleni. E l’avvelenamento è iniziato con il gruppo di opposizione, cui si è aggiunto un altro gruppo che è nato sui social. Era semplicemente una boccia di veleno da scaricare ogni giorno su questa città per trovare il modo per candidarsi, diffamando quotidianamente chi lavora per il bene di questa città. C’era un fine molto chiaro: candidarsi con un metodo, quello dei vaffa, il metodo disfattista di chi dice che tutto va male. La città ha già capito chi erano tanto che per trovare un candidato sindaco hanno dovuto riciclare un nome del passato. E’ come se Beppe Grillo avesse candidato Cirino Pomicino alla carica di premier per cambiare l’Italia. 
Chi ha avvelenato in maniera più subdola è stata Attiva Atripalda. Sono strati in prima fila quando c’era la possibilità di creare problemi alla città. Li abbiamo visti quando sulle scuole, le stesse aperte con loro, con la precedente amministrazione, all’improvviso erano diventate tutte inagibili. Invece di venire in Comune, hanno sollecitato le persone perché andassero in Procura.  Si è presa la vicenda dell’antisismicità per andare in Procura. Era normale che non fossero antisismiche ed era normale che restassero aperte. Noi ci siamo messi in testa che bisognava ammodernare il patrimonio scolastico. E ci siamo riusciti. Siamo partiti dalla Masi. A luglio andrà a terra e ci sarà una nuova scuola Masi. Ma non vuol dire che non sono stati in una scuola non sicura. Per assecondare i genitori, il capogruppo disse: io le avrei chiuse, ma per farci cosa? Per mettere i bambini a fare scuola in piazza? Questo è quello che abbiamo avuto di fronte, continuamente. 
Dicono che abbiamo risanato solo grazie all’autovelox. Diciamo che l’autovelox c’ha dato una mano. Abbiamo trovato, appena insediati, una comunicazione del prefetto che diceva al precedente sindaco che l’autovelox non era collocato in luogo sicuro. Abbiamo perciò dovuto ricominciare da zero, trovare un altro posto. Dopo un anno lo abbiamo posizionato ed è entrato in funzione e fa il suo lavoro: sanzionare chi non rispetta le norme del codice della strada. Il contributo dell’opposizione? La minaccia di danno erariale, il consiglio di fermarci perchéc’era questa possibilità, quella del danno erariale. Che non c’è stato ovviamente. Fortunatamente non abbiamo mai ascoltato i loro consigli. A loro interessava solo dimostrare l’esistenza di difficoltà nella nostra amministrazione e screditarci. 
Ci accusano che non c’è decoro urbano. Ma io sinceramente con loro non ricordo Atripalda come una città della Svizzera… 
Nel 2017 non c’era una sola struttura sicura in questa Città. Siamo intervenuti sulla biblioteca, sui campetti di quartiere, ovviamente in molti casi con il contributo dei privati. Ricordo che il parcheggio di Largo Buozzi era chiuso e non si capiva perché. Noi l’abbiamo sistemato e riaperto. Ricordo un mercato fatto in mezzo ad una strada. Noi abbiamo ridotto il numero di mercatari perché chi non erano in regola con i pagamenti l’abbiamo cacciati. Ora sono tutti nel Parco dopo un lavoro enorme e questo ha significato anche rendere più attrattivo il centro Servizi che poi abbiamo venduto. Chi avrebbe comprato una struttura ostaggio un giorno alla settimana di un mercato?
Poi Parco delle Acacie che aveva una pavimentazione distrutta con toppe di asfalto già sistemate per poter continuare a camminare. Abbiamo preso una decisione di mettere in sicurezza tutta la pavimentazione perché gli altri giorni della settimana i bambini potessero giocare in sicurezza serenamente. Non abbiamo catramato nemmeno un metro di area verde. Poi abbiamo anche curato il verde perché non era curato proprio al meglio. Abbiamo riqualificato i servizi igienici. Ma secondo qualcuno siamo stati immobili. 
Via Sparavigna: la piscina c’era anche nel 2017, quell’allagamento che si creava ogni volta con la pioggia, ma oggi non c’è più. Ma noi siamo stati immobili e loro sono stati la Svizzera… La settimana prossima inizierà il cantiere per la fontana della piazza. A giugno la fontana sarà nuovamente attiva. Non ce l’abbiamo fatta ma evidentemente abbiamo scelto altre priorità. Secondo voi non avrei voluto fare la campagna elettorale con la fontana attivata? Ovviamente sì, ma ormai siamo pronti ed in trenta giorni sarà nuovamente attiva. 
Il verde: tutti si ricordano che il verde va curato. Allora, parco San Gregorio. Se prendiamo le locandine dei giornali del 2013, gli Scout chiedevano al sindaco di rimetterlo in sicurezza. Ognuno si ricorda degli alberi caduti a terra, di quelli rinsecchiti, rovi alti quanto gli alberi. Allora abbiamo voluto fare un intervento adeguato. E come? Affidando la questione ad uno che ne capisce e chi ne capisce è un agronomo. Abbiamo approvato il piano. Con un primo taglio che ha tolto in sostanza quelli già caduti, quelli che stavano per cadere e qualche altro che è stato selezionato per dare ad altri la possibilità di crescere bene. Questa attività è stata lesa maestà e purtroppo ce ne eravamo dimenticati. Vedrete già da adesso come il Parco è cambiato: si può fare una passeggiata in sicurezza. 
Ancora il verde: i platani. A via Appia i platani sono stati potati nel 2013, potati come bonsai. Oggi, con la cura e la guida di chi ha la professionalità giusta, potete vedere uno dei viali alberati più belli d’Irpinia e della Campania. 
Abbiamo aperto un centro diurno anziani. Che sarà un punto dove anziani e giovani potranno incrociarci ed è stata una delle risposte come centro vaccinale. Perché ricordiamoci che due anni sono serviti per gestire il Covid che non è stata proprio una passeggiata. Ricordiamo i cittadini di Atripalda che sono caduti in questa battaglia, ricordo in particolare l’avvocato Arturo Iaione che sicuramente sarebbe stato da queste parti ad ascoltarci. Lo abbiamo fatto in piena coscienza, cercando le soluzioni.  Ci siamo attrezzati anche per soluzioni straordinarie perché straordinaria era la situazione che abbiamo avuto di fronte, come straordinaria è stata per tutto il mondo. 
Una cosa che non vogliamo fare: non vogliamo fare la società partecipata in questa città. “Strumento per aggirare le regole, rappresentano uno spreco di denaro, strumento di assunzioni poco trasparenti, alcune esistono solo per il cda”. Non sono parole mie, ma parole di Raffaele Cantone, già presidente dell’Ente Nazionale Anticorruzione. 
Ci rivediamo presto. Parleremo di Puc e di Abellinum.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.