sabato 25 giugno 2022
Flash news:   Amministrative 2022, prima riunione per la Giunta del sindaco Paolo Spagnuolo: stanziati fondi per le giostrine Amministrative 2022: Musto, Nazzaro e Palladino replicano alle accuse del sindaco uscente: «Nessun festeggiamento da parte nostra!» Amministrative 2022, è il giorno d’insediamento della nuova Giunta al Comune di Atripalda Ampliato durante l’estate il servizio di pattugliamento serale della Polizia municipale di Atripalda Musica all’aperto, il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza: sarà consentita fino all’una di notte Amministrative 2022, il sindaco comincia dalla promozione e punta ai gemellaggi con Praiano e Positano “Il miglio verde”, domenica 26 Acli e associazioni per la giornata di tutela ambientale ad Alvanite Amministrative 2022, veleni nel post voto. Il sindaco uscente Giuseppe Spagnuolo: «Deluso e amareggiato per quella foto di tre consiglieri esultanti» Tanti fedeli domenica sera ad Atripalda per la processione del Corpus Domini. Foto Amministrative 2022, il sindaco di Atripalda convoca il Consiglio comunale d’insediamento per lunedì 27 giugno

Amministrative 2022, il comizio della candidata a sindaco di “Atripalda Bene Comune” Nunzia Battista. Foto

Pubblicato in data: 7/6/2022 alle ore:10:01 • Categoria: Politica

Ci hanno chiesto come mai questa campagna elettorale sembra sottotono, un pò spenta.

Qualcuno, arrivando ad Atripalda, si è domandato: come mai quando si entra nel nostro paese , da qualsiasi via di accesso non ci si accorge che siamo a 6 giorni dalle elezioni amministrative?

Adesso vi spiego come funzionano le cose qua ad Atripalda.

Il  30 maggio, a 16 gg dalla consegna delle liste, quindi dall’inizio della campagna elettorale  il  segretario comunale firma una delibera di giunta per definire dove saranno sistemati i pannelli per  i 4 , e sottolineo 4, manifesti che saremo stati autorizzati ad apporre. Siamo in un comune di poco più di 10 mila abitanti e per legge è previsto che ci debbano essere minimo 5 , fino a 10 spazi disponibili sistemati in luoghi della città frequentati e ben visibili. Per i nostri amministratori questo non era importante,  loro avevano già deciso che avrebbero fatto girare le vele, imponenti, costose, inquinanti e si inquinanti perché per non essere in difetto devono assolutamente essere sempre in movimento, anzi vi invito a segnalare a vigili urbani e, anche a polizia e carabinieri,  le vele ferme anche solo pochi minuti, ma soprattutto le vele mute che continuano a non parlare ai cittadini che continuano , con l’arroganza di chi ha amministrato in questi anni,  a sovrastare i cittadini a imporre il loro giogo. Ancora ieri mattina siamo stati ulteriormente convocati dal comandante dei  vigili urbani per ricevere, finalmente, l’autorizzazione definitiva ,rispettati i capricci e i ritardi dell’amministrazione uscente e dei funzionari compiacenti , a fare questo comizio le cui regole abbiamo sottoscritto e accettato 7 giorni fa , ripeto con un adempimento tardivo ma ormai finalmente  sottoscritto già 7 gg fa.

E allora ritorno alla prima domanda:  perché???? Perché non hanno nulla da dire , sono sfuggenti, reticenti, si arrampicano sugli specchi per giustificare assenze , ritardi, dimenticanze. Perché si vergognano!  E giustamente si vergognino! Eppure nonostante tutto si ricandidano. Come mai? Che interesse hanno a continuare a essere i responsabili di questa agonia che sta uccidendo la nostra città? Ma poi anche,  questi funzionari non sono gli stessi che ognuno di voi ha incrociato, almeno una volta duramente,  nella sua vita di cittadino che si rivolge agli uffici comunali per adempimenti , pratiche , richieste, dubbi, anche contestazioni e chiarimenti? E non vi siete , in tutte queste occasioni chiesti come mai, alle mille difficoltà che la burocrazia italiana ci riserva,  qua ad Atripalda si aggiunge sempre un altro certificato, un’altra domanda, un tempo di attesa più lungo, una raccomandata (pagata con i vostri stessi soldi) che ti blocca la pratica, ti sospende i lavori ma che ti chiede di integrare un pagamento da 0,58 centesimi? Questa mancanza di elasticità , questa inefficienza , questa organizzazione così tanto zelante nei confronti del singolo ma che  si distrae dalla sicurezza della fontana lasciata in quelle condizioni, delle strade piene di fossi e rattoppi, della spazzatura dovunque, del traffico costante,  perché la continuiamo a subire ? Ve lo dico io : perché 5 anni fa avete votato male! Perché avete scelto,  credendo di stare sul carro dei vincitori, il meno peggio! Avete pensato che tra Paolo, allora uscente e responsabile del degrado di 5 anni fa, Geppino, probabilmente vincente, perché dotato anche allora del solito pasticciato carrozzone , fosse non la scelta giusta la meno pericolosa per questo paese! Mi dispiace la colpa è stata la vostra, miei cari concittadini, non avete avuto coraggio!La buona notizia è che vi potete rifare! Potete dimostrare che non siete dei sudditi sciocchi ! Che avete le qualità che nemmeno loro hanno, che leggete, ascoltate, riflettete, e siete assolutamente in grado di ragionaRE CON LA VOSTRA TESTA. Per caso pensano che voi non lo sapete che gli uffici pubblici devono dotarsi di organizzazione tale da assicurare a tutti i cittadini ( chi li ha votati e chi no) l’imparzialità? Per caso pensano che voi non lo sapete che gli uffici pubblici sono solo ed esclusivamente al servizio della Nazione e del popolo?Per caso pensano che voi non lo sapete che attuare la , tanto decantata, trasparenza non è un loro merito ma un vostro sacrosanto diritto? Noi siamo convinti di questo perchè noi siamo cittadini come voi,  viviamo la città dal basso dei nostri 4 manifesti, rigorosamente affissi nel rispetto delle regole che prevedono ( mai successo prima in assoluto) anche il pagamento dell’occupazione del suolo pubblico per il palco su cui siamo e dove si devono democraticamente avvicendare i candidati che saranno i prossimi amministratori, noi non abbiamo la visione distorta dall’altezza della vela muta e inquinante, che rende i cittadini piccoli piccoli rispetto ai candidati. E passiamo al nostro bellissimo programma , tanto bello che L’altra lista, quella che crede di non avere  il problema degli specchi su cui arrampicarsi ma che ha dimenticato che l’inizio del baratro ha data precedente al 2017, non fa altro che copiare . Noi siamo in campo ormai da mesi a dire quali sono le nostre proposte , a parlare di decoro, di PUC, di promozione del territorio, della dogana piazza coperta che collega la piazza alla villa comunale , e che, secondo il nostro progetto,  diventerà cuore pulsante delle attività ludiche, formative, culturali, di servizi socialmente utili e inclusivi, di cui non solo l’amministrazione sarà promotrice , ma che saranno sostenuti , promossi e dalle associazioni operanti sul nostro territorio. Noi parliamo di innovazione tecnologica (e non di quella 4.0 che riguarda l’industria, questo ancora mi fa sorridere) non banalmente della digitalizzazione degli  uffici comunali o del wi fi gratuito , noi parliamo di efficientamento energetico , di spazi di co-working, di cooperative di comunità e di comunità energetiche, noi parliamo di mobilità sostenibile e non superficialmente di 4 biciclette acquistate per un utopico bike-shering, noi parliamo di inclusione sociale e progetti innovativi per i diversamente abili, gli anziani , i bambini , le minoranze religiose, etniche o comunque oggetto di discriminazione come le comunità lgbt i rifugiati, parliamo da mesi di arte , cultura , archeologia e chiaramente di Abellinum, scuola , istruzione, biblioteca, ambiente, pineta Sessa, fiume. Copiano , e vi invito ad andare sul nostro gruppo fb a controllare le date dei nostri video cosi avrete la dimostrazione che diciamo tutto prima noi, e copiano pure male: pensano che offrire un appartamento alle giovani coppie, idea datata almeno 10 anni,sia la soluzione allo spopolamento, improvvisano e compensano il loro disagio con la mole di risorse economiche che stanno investendo in questa campagna elettorale( non ultima la bicicletta elettrica che nasce dalle discussioni avvenute nelle scorse riunioni al comune dove  sono stati contestati i mezzi inquinanti e ricordato l’uso innovativo delle biciclette per la campagna elettorale allora contrastato proprio dall’amministrazione uscente di Paolo a chi come noi guardava avanti). E ritorno un attimo al fiume perchè   non siamo noi quelli che hanno preso 42mila € di multa perché il fiume lo hanno inquinato. A proposito anche su questo punto vi farei riflettere: certo che decidere di pagare una multa così onerosa per potersi solo ricandidare nasconde un grande amore per questo paese o forse un grande interesse per una poltrona che , con le cariche di partito,  eventualmente, questi soldi può farli tutti rientrare! Si comincio a essere un po’ più arrabbiata, perché sono offesa dal modo in cui ci stanno trattando. Dal modo in cui stanno trattando noi tutti cittadini di questo paese. Anche il linguaggio hanno copiato , parlano di comune accogliente e lo dicevo anche 5 anni fa , parlano di coesione e condivisione , di legame tra i candidati, di programma elaborato insieme ai cittadini anche quelli che non si sono candidati , di elettori nobili che li appoggiano e di bellezza e armonia di città spenta quando noi diciamo grigia. E potrei elencare molto altro! Meno male che i nostri video sono in rete e che le date attestano la primogenitura di tutte queste idee,  dello stile che abbiamo dato alla campagna elettorale.  Si,  dovete ringraziare noi, i nostri spettacolari candidati se si parla di tutto questo, se si parla, senza timore di essere banalizzati, di bellezza e di armonia e se anche gli altri si possono permettere l’uso di bucoliche immagini di nonni che giocano con i nipoti nei giardinetti . E merito nostro ! Siamo noi che abbiamo dato questo taglio più umano alla campagna elettorale perche le persone non vogliono solo sentir parlare di bilancio (risanato peraltro con una svendita di beni comunali e una vincita alla lotteria dell’autovelox),  di numeri,  di leggi sono tutte cose dovute che non fanno di chi le realizza un amministratore ma un semplice commissario dello stato .  Un amministratore ha una visione , un buon amministratore prova a realizzarla la sua visione, chi è poi veramente il più bravo realizza non solo la sua ma quella condivisa da tutti e che ha   un unico scopo: il benessere dei cittadini. E permettetemi questa unica immodestia in tutto il nostro dire: come in una classe accade allo studente più bravo ma generoso , noi siamo felici che qualcuno copi il nostro compito , non siamo gelosi né invidiosi che nel caso prenderà un bel voto perché noi abbiamo fatto un passo avanti per il bene di tutti e lo abbiamo fatto fare a tutti. Però il bravo professore lo riconosce il compito originale da quello copiato lo sa chi è lo studente brillante e chi scopiazza. I l professore siete voi , concittadini di Atripalda, siete voi che dovete decidere se volete la copia o l’originale. Ricordatevi che questa pratica della promessa elettorale , che poi puntualmente non mantengono, entrambi l’hanno già applicata a tutte le cose che vi avevano promesso 5 e 10 anni fa le grondaie di alvanite , la città pulita , l’erba tagliata non una o addirittura mezza volta all’anno, le strutture sportive , quelle poche esistenti, fruibili e in condizioni decenti , la palestra della scuola utilizzabile, in tre anni , nonostante una inaugurazione con tanto di festa, gli studenti delle medie non hanno avuto il piacere di usarla devo continuare ? Tutte promesse da marinaio! Utili solo a ingannare di nuovo qualche disorientato e sprovveduto cittadino. E poi attenti a quando ci vengono a parlare di filiere quelle a cui entrambi si pregiano di appartenere per illudere su fondi , opportunità , opzioni aggiuntive, assi nella manica, e silenziosi ammiccamenti, e che poi puntualmente rinnegano quando c’è chi giustamente fa notare che queste politiche fatte più in alto si dimenticano di Atripalda ci tagliano fuori dai progetti di nuova  mobilità, della sanità territoriale e ci chiediamo il sindaco dove è stato? nell’assemblea dei sindaci ha schiacciato un pisolino ? Oppure  ci tengono dentro senza ascoltare i nostri bisogni e le nostre aspirazioni di comunità vedi la pessima situazione del fiume che sarebbe secondo loro stato rinaturalizzato. Si gli artefici di questo scempio sono personaggi che si possono individuare in giovani inermi figure sostenute da inutili e sbiaditi partiti che verranno anche ufficialmente a sostenere i loro amici e ci saremo anche noi ad ascoltare le fesserie che verranno a raccontarci e speriamo che i cittadini saranno in grado di fare le domande e non saranno solo spettatori passivi della solita passerella politica inutile , e spudoratamente continuano a parlare di lista civica, partiti che se avessero davvero voluto parlare di ambiente avrebbero dovuto svegliarsi qualche mese fa quando , anche storici amministratori di questo paese, anche appartenenti alla loro sponda  politica, pur avendo scelto di stare fuori dalla politica , non ce l’hanno fatto a mantenere la calma e hanno dovuto necessariamente e autorevolmente intervenire sulla questioni come quella del parco san Gregorio. Questa è una ferita che ancora si continua ad allargare perché ancora non smettono di tagliare di distruggere. Sinceramente siccome 45mila € non son poi così tanti  mi spaventa il vero motivo di questa devastazione cosa vogliono fare in quella pineta? Ma noi vigileremo state tranquilli non possiamo più sopportare questi abusi, queste scelte scellerate senza che i cittadini ne comprendano i perché. E nessuno di questi verdi parla di randagismo, di cinghiali che cominciano a essere da anni un problema per le contrade più rurali. Ma che ci stanno a fare? Beh da stasera abbiamo suggerito anche qualche altro tema e probabile che si inventeranno qualcosa.  Cari amici e cittadini di questo bel paese, il nostro impegno è genuino e generoso, siamo al servizio della nostra comunità e vogliamo dare anche a voi la nostra speranza che nasce dallo sdegno iniziale e si trasforma piano piano in una carica di forza e determinazione . Vogliamo che anche voi possiate immaginare questo paese bello come lo vediamo noi con occhi capaci di cancellare le ombre e di vedere   i colori. La bellezza è negli occhi di chi guarda ma chi guarda non si può esimere dal rimuovere i macigni che il disinteresse  e l’incuria hanno lasciato; noi saremo anche capaci di fare dei ponti con quei macigni che hanno abbandonato sulla nostra strada e saremo capaci di vedere il bello e il giusto dovunque sta perché non abbiamo paura di dare un po’ della nostro impegno , siamo tutti pronti e gia abituati a farlo. Adesso abbiamo solo una necessità ridare ad Atripalda il ruolo , l’armonia , la centralità, l’effervescenza che merita da tutti i punti di vista culturale, sociale e politico. Con noi ripartirebbe anche la discussione politica libera e produttiva perché in un paese coeso e ben amministrato si potrebbe tornare, ognuno per la sua parte, a dibattere anche di politica vera, di questione sociali , di temi importanti per riprendere a formare le coscienze, attività che ormai da anni abbiamo un po’ tutti rinunciato a fare. Riprendetevi la vostra città per farlo dovete votare Atripalda Bene Comune!

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.