venerd� 23 febbraio 2024
Flash news:   L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto Chiuso fino al 6 marzo l’ufficio postale centrale di Atripalda Assemblea del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity Dramma sul lavoro alla Stellantis di Pratola Serra: morto operaio di 52 anni di Acerra Scandone, parte la Play-In Gold Debutto stagionale domenica per i ciclisti del team Eco Evolution Bike Avellino: dopo la vittoria nel derby trasferta contro il Monterosi Luigi De Magistris e Omar Suleiman a “Fortapàsc” per parlare di pace Riapre stasera dopo tre mesi “Jack Old Pub” nel ricordo di Giuseppe Nazzaro

Lavori di ricostruzione scuola media Masi, Abc all’attacco: «vigileremo su ogni euro speso, i nostri figli non sanno ancora dove andare»

Pubblicato in data: 6/8/2022 alle ore:18:09 • Categoria: Politica

«Con il nostro consigliere comunale Nunzia Battista vigileremo su ogni documento e su ogni euro che verrà speso. Non faremo sconti. Sempre nell’interesse dei nostri figli che a distanza di un mese non sanno ancora dove devono seguire l’anno scolastico 2022/23».cIl giorno dopo l’intervista al sindaco Paolo Spagnuolo sul progetto di demolizione del corpo aule della scuola media “Masi” di via Pianodardine per il progetto di riqualificazione da oltre 6milioni di euro non si fanno attendere le reazioni politiche in città.
Spagnuolo ha preannunciato la bocciatura della scelta fatta dall’ex sindaco di installare nello spiazzale della scuola dei moduli prefabbricati durante i lavori di demolizione in cui ospitare le aule. Ha anche annunciato di voler pubblicare un avviso per la ricerca di locali e spazi idonei ad ospitare gli alunni a partire da gennaio 2023,visto che i lavori partiranno solo a fine anno e la prima campanella di settembre suonerà regolarmente.
«Quelli di prima hanno detto che era tutto pronto. Quelli di ora dicono che fanno il bando per cercare i locali – attacca Roberto Renzulli ideatore della lista “Atripalda Bene Comune” -. In realtà i soldi per affittare i moduli non ne tengono. I soldi per pagare il trasloco sono insufficienti. Né quelli di prima, né quelli di adesso hanno la più pallida idea di cosa devono fare». Critica anche la scelta della fascia tricolore di pubblicare un avviso e una manifestazione d’interessi per la ricerca sul territorio di strutture idonee ad ospitare le aule durante i lavori di demolizione e costruzione. «Sanno solo creare condizioni favorevoli per elargire soldi a privati e per pagare il fitto di locali che sono sfitti da anni – attacca Renzulli -. Chissà perché? E sono idonei poi? Oppure sistemare qualche aula sopra l’ex Centro servizi, che abbiamo svenduto ai privati e che ora potrebbero fittare al Comune».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *