venerd� 23 febbraio 2024
Flash news:   L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto Chiuso fino al 6 marzo l’ufficio postale centrale di Atripalda Assemblea del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity Dramma sul lavoro alla Stellantis di Pratola Serra: morto operaio di 52 anni di Acerra Scandone, parte la Play-In Gold Debutto stagionale domenica per i ciclisti del team Eco Evolution Bike Avellino: dopo la vittoria nel derby trasferta contro il Monterosi Luigi De Magistris e Omar Suleiman a “Fortapàsc” per parlare di pace Riapre stasera dopo tre mesi “Jack Old Pub” nel ricordo di Giuseppe Nazzaro

Cento venti giorni di governo della nuova Amministrazione, l’ex sindaco attacca: «delle nuove attività abbiamo pochissime tracce, solo un copia ed incolla»

Pubblicato in data: 1/11/2022 alle ore:13:47 • Categoria: Politica

«A oltre quattro mesi di amministrazione della città assistiamo al completamento di tutto ciò che avevamo avviato e che abbiamo acquisito come finanziamenti e che vedremo nei prossimi mesi. Oltre questo però delle nuove attività abbiamo pochissime tracce se non il triplicarsi delle indennità di funzione per sindaco e assessori e l’aumento delle cariche che dovranno usufruire di indennità».

L’ex primo cittadino Giuseppe Spagnuolo boccia i primi cento giorni di governo dell’amministrazione del sindaco Paolo Spagnuolo «mi sembra di vederli come quello che ha avuto all’improvviso un’eredità da uno zio d’America e che non sa bene come spenderli. Non c’è traccia infatti di una seria attività di programmazione e di novità».

Intervista su Il Mattino di Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *