marted� 05 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Rinuncia agli emolumenti, le opposizioni criticano la modalità scelta “comunicazione del presidnete”

Pubblicato in data: 31/3/2023 alle ore:14:19 • Categoria: Politica

L’opposizione con l’ex sindaco Geppino Spagnuolo «era prevedibile che fosse questa la comunicazione del presidente ed anche apprezzabile visto che gli emolumenti sono destinati a borse di studio per gli studenti di Atripalda. Abbiamo sempre sostenuto che l’introduzione della figura del presidente del consiglio non era necessaria per la città e la quantificazione fatta inizialmente dall’amministrazione a novembre per questa figura era sballata mentre è solo pari al 10% dell’indennità del sindaco. Non erano polemiche social». Lo stesso Mazzariello poi prova a stoppare la discussione in aula «comunque ringrazio ma le comunicazioni sono comunicazioni e vengono date in maniera unilaterale».
L’altra opposizione, quella di Abc guidata dal capogruppo Nunzia Battista invece contesta: «Non c’è stato poi nessun fraintendimento riguardo al compenso del presidente. Anche in consiglio comunale per il suo compenso era stato appostata una somma più o meno pari a quella di un assessore, superando i mille euro. Non c’è stata da parte sua una immediata precisazione che il compenso non era questo. Gli uffici gli avranno chiarito poi che il suo compenso non poteva superare del 10% quello del sindaco. A questo punto con cifre molto più basse ha deciso di fare un atto di magnanimità, lasciandole alle casse del comune per le borse di studio. Ma non c’è stata una confusione e non ci sarebbe stata nessuna polemica se questo fosse stato precisato sin dall’inizio».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *