Flash news:   Rissa in palestra, il Comune avvia procedimento amministrativo e diffida sull’utilizzo a porte aperte. Botta e risposta tra sindaco ed ex primo cittadino Promessa di matrimonio sposi Morrongiello-Picariello, auguri Elezioni Rsu al Comune, vince la Cgil. La soddisfazione del responsabile Valter Ventola Il Circolo si fa in tre tra Lazio, Campania e Sicilia Bilancio di Previsione 2018, il Prefetto diffida il Comune e l’opposizione di “Noi Atripalda” attacca l’Amministrazione sull’aumento della Tari con un manifesto Dieci anni dopo l’Half Marathon domani torna “l’Irpinia corre”, il sindaco: “occasione di promozione del nostro territorio e di aggregazione per i giovani” Via libera dall’Anas all’installazione dell’autovelox sulla Variante: sarà spostato di 150 metri più avanti. Parla l’assessore Musto Conclusa la potatura dei platani parla la delegata Anna De Venezia: “abbiamo scelto la salute degli alberi realizzando una potatura più leggera” Mancanza del certificato di agibilità per pubblico spettacolo e dell’autorizzazione del sindaco, scoppia il caso della palestra “Adamo” dopo la lite di sabato e la denuncia dei Carabinieri. Il sindaco: “Stiamo percorrendo l’iter per far acquisire alla struttura i requisiti necessari” Atripalda Volleyball, per la serie D sfuma il sogno promozione: passa il San Marzano

Comitato per il No Atripalda, ultimo atto:”esprimiamo la nostra gratitudine alla cittadinanza”

Pubblicato in data: 10/12/2016 alle ore:07:36 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

comitato-per-il-no-moranoCome espresso all’atto della sua costituzione, il “Comitato del NO di Atripalda” si è sciolto dopo le votazioni del 4 dicembre ultimo scorso.
Vogliamo esprimere la nostra gratitudine a tutta la cittadinanza atripaldese per la partecipazione ma, soprattutto, per non aver approvato, in modo netto e chiaro ed in sintonia con il resto dell’Italia, la proposta di modifica della nostra Costituzione.
Vogliamo ringraziare, altresì, tutte le forze politiche che hanno condiviso le ragioni del “NO”, conseguendo così un risultato, alla vigilia, insperato.
Agli amici del “SI” vogliamo ribadire che le domande sulle quali siamo stati impegnati: il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della seconda parte della Costituzione sono questioni attuali e vanno affrontate; ma la proposta, così come formulata, non ci ha convinti e non ha convinto il Paese.
La Costituzione deve essere di Tutti ed è uno strumento di unità, ecco perché i Costituenti hanno voluto che le sue modifiche non potessero essere fatte da un solo partito e neppure dalla sola maggioranza parlamentare.
Vorremmo concludere dicendo che l’alto livello di partecipazione ed il risultato del referendum fanno molto riflettere: l’attenzione dell’opinione pubblica, di fronte a ciò che ritiene veramente importante, è molto più alta di quanto si possa immaginare e l’astensione o la non partecipazione si manifestano quando la proposta offerta è inadatta o insufficiente.
Per questo crediamo che tutto il mondo politico (partiti, associazioni, singoli cittadini) debba aprire una stagione di riflessione e di dibattito (e perché no anche ad Atripalda), su questioni che interessano i singoli cittadini, favorendo la loro partecipazione alla risoluzione dei problemi comuni.
Laura Barbato, Lello Nevola, Antonio Alvino, Vincenzo Moschella, Mimmo Landi, Sabino Morano, Enrico Ruongo, Enrico Giovino, Bruno Bruschi, Sabino Sellitto, Tommaso Mazzocca, Luciano Natalino, e Antonio Candella

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Per mandare Renzi a casa non bisognava costituire nessun comitato. Adesso siamo pronti per le nostre elezioni, e ne vedremo delle belle. Hanno assunto 6 vigili a tempo determinato.. Non si vedono né i vecchi vigili né i nuovi. Cosa bisogna fare per far rispettare le regole ad Atripalda.?????

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it