Flash news:   Al via il cartellone degli eventi “A Natale…Vivi Atripalda” promosso dall’Amministrazione tra pista sul ghiaccio, musica e notti bianche lungo il fiume Sabato. L’assessore Urciuoli: “ventinove iniziative per la città” Rinviato a giudizio l’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Vincenzo Salsano Gli auguri del capogruppo consiliare Paolo Spagnuolo a Raffaele Pipola: lunedì sarà insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica Serie C, l’Atripalda Volleyball cade contro i Colli Aminei. Mercoledì torna la Coppa Campania Perseguita la ex e la costringe a un rapporto sessuale: in manette stalker 35enne Partono gli avvisi per gli ambulanti morosi del giovedì e si riaccende il dibattito sul ritorno in piazza Battesimo Ginevra Lombardi, auguri Rinnovo del Forum dei Giovani di Atripalda, fissata l’assemblea per l’elezione del nuovo coordinatore. Il delegato Pesca: “ripartiamo insieme con il giusto entusiasmo” Laurea Carmen Gerardo, auguri Le interviste di AtripaldaNews – Questione cinema Ideal, parla l’architetto Raffaele Troncone: «il documento politico di Sinistra Italiana Atripalda è pieno di errori, inesattezze e accuse anche gravi. Con la legge Franceschini presenteremo il progetto di rinascita»

Comitato per il No Atripalda, ultimo atto:”esprimiamo la nostra gratitudine alla cittadinanza”

Pubblicato in data: 10/12/2016 alle ore:07:36 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

comitato-per-il-no-moranoCome espresso all’atto della sua costituzione, il “Comitato del NO di Atripalda” si è sciolto dopo le votazioni del 4 dicembre ultimo scorso.
Vogliamo esprimere la nostra gratitudine a tutta la cittadinanza atripaldese per la partecipazione ma, soprattutto, per non aver approvato, in modo netto e chiaro ed in sintonia con il resto dell’Italia, la proposta di modifica della nostra Costituzione.
Vogliamo ringraziare, altresì, tutte le forze politiche che hanno condiviso le ragioni del “NO”, conseguendo così un risultato, alla vigilia, insperato.
Agli amici del “SI” vogliamo ribadire che le domande sulle quali siamo stati impegnati: il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della seconda parte della Costituzione sono questioni attuali e vanno affrontate; ma la proposta, così come formulata, non ci ha convinti e non ha convinto il Paese.
La Costituzione deve essere di Tutti ed è uno strumento di unità, ecco perché i Costituenti hanno voluto che le sue modifiche non potessero essere fatte da un solo partito e neppure dalla sola maggioranza parlamentare.
Vorremmo concludere dicendo che l’alto livello di partecipazione ed il risultato del referendum fanno molto riflettere: l’attenzione dell’opinione pubblica, di fronte a ciò che ritiene veramente importante, è molto più alta di quanto si possa immaginare e l’astensione o la non partecipazione si manifestano quando la proposta offerta è inadatta o insufficiente.
Per questo crediamo che tutto il mondo politico (partiti, associazioni, singoli cittadini) debba aprire una stagione di riflessione e di dibattito (e perché no anche ad Atripalda), su questioni che interessano i singoli cittadini, favorendo la loro partecipazione alla risoluzione dei problemi comuni.
Laura Barbato, Lello Nevola, Antonio Alvino, Vincenzo Moschella, Mimmo Landi, Sabino Morano, Enrico Ruongo, Enrico Giovino, Bruno Bruschi, Sabino Sellitto, Tommaso Mazzocca, Luciano Natalino, e Antonio Candella

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Per mandare Renzi a casa non bisognava costituire nessun comitato. Adesso siamo pronti per le nostre elezioni, e ne vedremo delle belle. Hanno assunto 6 vigili a tempo determinato.. Non si vedono né i vecchi vigili né i nuovi. Cosa bisogna fare per far rispettare le regole ad Atripalda.?????

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it