alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino

Ritrovata bruciata a Montefredane l’auto rubata in piazza Leopoldo Cassese

Pubblicato in data: 16/4/2010 alle ore:22:49 • Categoria: CronacaStampa Articolo

sopralluogo_ritrovamento_incendio_autoE’ stata ritrovata completamente bruciata la Fiat Multipla rubata domenica notte in piazza Leopoldo Cassese. L’auto è stata trovata all’interno di un fondo agricolo della frazione Bosco Magliano del comune di Montefredane dai Carabinieri della locale stazione. Gli accertamenti condotti sulla carcassa metallica, quasi completamente distrutta dalle fiamme, hanno permesso di appurare che l’autovettura in questione era proprio la Fiat Multipla di proprietà del 43enne atripaldese che ne aveva denunciato il furto lo scorso 12 aprile. Al momento sono in corso le indagini dei militari per far luce sulla vicenda. L’auto, sequestrata e affidata al deposito giudiziario, potrebbe essere stata usata, infatti, per commettere qualche reato nelle zone dell’hinterland avellinese e poi data alle fiamme per distruggere ogni traccia. Ma questa non è l’unica ipotesi su cui stanno lavorando gli inquirenti che stanno vagliando ogni elemento utile per le indagini.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *