marted� 06 giugno 2023
Flash news:   Aumento Imu ad Atripalda, la replica del sindaco all’opposizione: “non accetto lezioni di buon amministratore da chi non si è dimostrato tale” Rapina in villa ad Atripalda, il sindaco Spagnuolo chiede maggiore presenza delle forze dell’ordine e potenziamento della stazione dei carabinieri Giornata mondiale della bicicletta: ad Atripalda donate rastrelliere e Bike Station Bus finisce fuori strada in una scarpata dell’A16: un morto e 14 feriti. Foto Festa del 2 giugno, il Prefetto consegna le onorificenze al Merito. Foto Ladri in azione ad Atripalda: rubano in una villa, indagini in corso Auguri a Dustin Nathan e Thomas per la loro Prima Comunione Concorso nazionale “Paesaggio in movimento”: premiate tre alunne del liceo atripaldese Domani 2 giugno ricorre il 77° Anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana: ecco l’elenco degli insigniti delle onorificenze Comune, l’ex assessore Nancy Palladino: “Spese pazze e tasse alle stelle. Ad Atripalda va in scena il manuale dell’anti amministrazione”

Ritrovata bruciata a Montefredane l’auto rubata in piazza Leopoldo Cassese

Pubblicato in data: 16/4/2010 alle ore:22:49 • Categoria: Cronaca

sopralluogo_ritrovamento_incendio_autoE’ stata ritrovata completamente bruciata la Fiat Multipla rubata domenica notte in piazza Leopoldo Cassese. L’auto è stata trovata all’interno di un fondo agricolo della frazione Bosco Magliano del comune di Montefredane dai Carabinieri della locale stazione. Gli accertamenti condotti sulla carcassa metallica, quasi completamente distrutta dalle fiamme, hanno permesso di appurare che l’autovettura in questione era proprio la Fiat Multipla di proprietà del 43enne atripaldese che ne aveva denunciato il furto lo scorso 12 aprile. Al momento sono in corso le indagini dei militari per far luce sulla vicenda. L’auto, sequestrata e affidata al deposito giudiziario, potrebbe essere stata usata, infatti, per commettere qualche reato nelle zone dell’hinterland avellinese e poi data alle fiamme per distruggere ogni traccia. Ma questa non è l’unica ipotesi su cui stanno lavorando gli inquirenti che stanno vagliando ogni elemento utile per le indagini.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *