alpadesa
  
sabato 16 novembre 2019
Flash news:   Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda

La Finanza sequestra 6mila euro di capi contraffatti

Pubblicato in data: 4/6/2010 alle ore:21:31 • Categoria: CronacaStampa Articolo

sequestro-abbigliamentoErano sicuri che utilizzando l’autostrada sarebbero potuti meglio sfuggire ai controlli. Sono invece ugualmente incapppati nelle maglie delle Fiamme Gialle di Avellino. Nel pomeriggio di ieri, infatti, una pattuglia della Compagnia di Avellino, agli ordini del capitano Salvatore SERRA, in servizio anticontrabbando lungo le principali direttrici di traffico della provincia, si sono spinti anche sull’A16 e, nell’ambito dei controlli posti in essere presso un’area di servizio, hanno controllato una monovolume in transito, insospettiti dall’atteggiamento di conducente e passeggero.
All’atto del controllo dei documenti gli occupanti dell’auto, due soggetti diretti nel foggiano, mostravano particolare nervosismo e, di conseguenza, i militari decidevano di dar corso ad un controllo accurato della vettura. A seguito dell’accurata perquisizione effettuata al mezzo era possibile rinvenire nel vano bagagli del mezzo, malamente occultati da un telone, alcuni scatoloni che sono risultati contenere ben 281 capi d’abbigliamento recanti, abilmente contraffatti, i marchi di famose case di produzione italiane ed internazionali.
Alla richiesta dei militari di esibire i relativi documenti giustificativi della merce trasportata i due soggetti non erano grado di esibire documenti fiscali comprovante il trasporto né, tantomeno, fornivano indicazioni circa il luogo ove la stessa era stata acquistata: tutto il carico contraffatto veniva pertanto sottoposto a sequestro per un valore della merce trasportata ammontante a circa 6.000 euro.
In considerazione dell’ottimo livello della contraffazione, è presumibile che i capi contraffatti avrebbero seguito un percorso “preferenziale” per la loro commercializzazione, eventualemnt a mezzo di canali “ufficiali” di vendita, magari unitamente a capi originali.
Le operazioni di servizio si sono concluse con il sequestro della merce e la denuncia a piede libero alla autorità giudiziaria dei due soggetti, identificati per tale G.M. (di anni 39) e per tale M.G. (di anni 46), entrambi residenti a Foggia, per violazione agli articoli 648 (ricettazione) e 474 (contraffazione marchi) del codice penale.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *