alpadesa
  
Flash news:   Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno Anniversario strage di Capaci, Idea Atripalda: “Sono morti invano? Dipende da noi” Parco delle Acacie, non si spengono le polemiche sulla bitumazione aree interne. IDEA Atripalda: “asfaltare un parco è come asfaltare il mare“. Foto

Tenta di estorcere denaro al fratello: in manette 35enne atripaldese

Pubblicato in data: 14/6/2010 alle ore:10:29 • Categoria: Cronaca

carabinieri-112Ha tentato di estorcere denaro al fratello minacciandolo di morte: arrestato dai Carabinieri 35enne atripaldese. Nel primo pomeriggio di ieri, L.G., queste le iniziali dell’uomo già noto alle forze dell’ordine per la recente rapina ad un negozio di kebab, si era recato presso l’abitazione del fratello in una via del centro di Atripalda, con l’intento di avanzare l’ennesima richiesta di denaro. Alle ferme risposte negative del fratello, l’uomo è andato sempre più in escandescenza arrampicandosi addirittura sul cancello d’ingresso e arrivando ad urlare minacce di morte.
Vista la drammatica situazione, la vittima, barricata in casa insieme alla moglie e alle figlie, ha allertato i Carabinieri. I militari, giunti immediatamente sul posto, hanno faticato non poco a far demordere l’uomo furioso dal suo ennesimo tentativo estorsivo e a farlo scendere dalla cancellata dell’abitazione. Anche dopo essere stato bloccato e reso inoffensivo, l’uomo ha continuato a inveire sia contro il fratello che verso la moglie e le figlie con parolacce, minacce e sputi.
Il 35enne è stato arrestato per il reato di tentata estorsione ai danni del fratello, nonché per minaccia e ingiurie verso la cognata e consegnato al carcere di Bellizzi Irpino, ove dovrà attendere le determinazioni dell’autorità giudiziaria del Tribunale di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Pronti a compiere raid in appartamenti: banda di romeni bloccata dai Carabinieri

È finita nella rete dei militari dell’Arma una banda di romeni: è avvenuto ad Atripalda nel corso dei servizi di Read more

Manocalzati, controlli dei Carabinieri ad un’impresa per la gestione di rifiuti: denunciate due persone

Gestione irregolare di impianto per trattamento di rifiuti pericolosi e scarico di acque reflue industriali in assenza di autorizzazioni: questo Read more

Disturba a bordo di pullman, autista interrompe corsa: 57enne denunciata

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria una 57enne ritenuta Read more

Consiglio comunale, la mozione della minoranza a sostegno dei Carabinieri respinta dall’aula

Di seguito la mozione delle minoranze (Udc, Fi, Psi e Piazza Grande) a sostegno dei Carabinieri respinta dal Consiglio comunale Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *