alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   Movida ad Avellino, “IDEA Atripalda“ contro il sindaco Gianluca Festa: “chieda scusa e si dimetta” «Atripalda la città dei Mercanti», presentato ieri in Comune il video pormozionale. Il sindaco: “ripartiamo uniti accogliendo le persone che vengono da fuori in tutta sicurezza”. FOTO “Oggi è il tuo nome, auguri Antonello” dallo zio Gabriele De Masi Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive

Lettere con proiettili all’ex comandante di Atripalda, Vincenzo Sirico. La solidarietà delle Istituzioni

Pubblicato in data: 15/6/2010 alle ore:20:22 • Categoria: Cronaca

sirico2-ridottaNuove minacce ai Carabinieri. Dopo il caso della telefonata anonima giunta al Comando provinciale di Avellino con accuse, minacce e insulti contro il comandante provinciale, colonnello Gianmarco Sottili, questa volta è toccato ai militari della stazione di S. Martino Valle Caudina che, nei giorni scorsi, hanno ricevuto due lettere dal contenuto minatorio. All’interno anche due proiettili, calibro 7.65, inesplosi. Le due lettere sono state lanciate da qualche sconosciuto all’interno del perimetro della caserma che risulta sprovvista di impianto di sorveglianza.
Nel mirino, oltre ai carabinieri in generale, è finito il neo comandante Vincenzo Sirico (foto) giunto da qualche tempo in valle Caudina dopo il trasferimento da Atripalda.
Stamane in caserma è giunto il Prefetto di Avellino Ennio Blasco per una visita di solidarietà. Il massimo rappresentante di governo in Irpinia ha stretto la mano a tutti i carabinieri in servizio e poi si è ritirato in riunione all’interno della caserma. Al summit ha preso parte anche il sindaco Ricci di San Martino Valle Caudina. Per il momento le indagini proseguono a 360 gradi. L’ipotesi più accreditata resta quella di una recrudescenza della criminalità organizzata firmata dal Clan Pagnozzi, da anni in auge nella valle caudina.
Al comandante Vincenzo Sirico la solidarietà della redazione e della proprietà di AtripaldaNews.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Pronti a compiere raid in appartamenti: banda di romeni bloccata dai Carabinieri

È finita nella rete dei militari dell’Arma una banda di romeni: è avvenuto ad Atripalda nel corso dei servizi di Read more

Manocalzati, controlli dei Carabinieri ad un’impresa per la gestione di rifiuti: denunciate due persone

Gestione irregolare di impianto per trattamento di rifiuti pericolosi e scarico di acque reflue industriali in assenza di autorizzazioni: questo Read more

Disturba a bordo di pullman, autista interrompe corsa: 57enne denunciata

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria una 57enne ritenuta Read more

Consiglio comunale, la mozione della minoranza a sostegno dei Carabinieri respinta dall’aula

Di seguito la mozione delle minoranze (Udc, Fi, Psi e Piazza Grande) a sostegno dei Carabinieri respinta dal Consiglio comunale Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *