alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

Rubano ad una donna portafogli al centro commerciale Appia: nei guai due salernitane

Pubblicato in data: 28/5/2011 alle ore:18:31 • Categoria: CronacaStampa Articolo

centro-commerciale-appiaNella tarda serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno tratto in arresto una 30enne, ed hanno denunciato in stato di libertà una 26enne, entrambe originarie del salernitano, resesi responsabili, in concorso tra loro, del furto di un portafogli che le stesse hanno compiuto nella serata di ieri ai danni di una 34enne del posto all’interno di uno dei magazzini presenti all’interno del Centro Commerciale Appia di Atripalda.
Le due donne, approfittando di una momentanea distrazione della vittima, intenta ad effettuare acquisti, frugavano nella borsa della stessa, attaccata al passeggino all’interno del quale tra l’altro vi era anche la figlia della malcapitata, da dove riuscivano ad asportare un portafogli.
Nello specifico, mentre una delle due donne si impossessava dell’oggetto, l’altra cercava di coprire la stessa, posizionandosi davanti a questa, per non permettere alla donna di vedere cosa stesse facendo la complice. Tuttavia la vittima, insospettitasi per lo strano comportamento delle due donne, ed allarmata anche che le due potessero fare qualcosa alla figlia infante, reagiva iniziando a gridare. A tal punto le donne venivano messe in fuga e contestualmente veniva richiesto l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri.
I militari dell’Arma di Atripalda immediatamente giunti sul posto riuscivano a trarre in arresto una delle due donne, una 30enne, bloccata all’interno del negozio, mentre la complice riusciva ad allontanarsi a bordo di un’autovettura prima dell’arrivo dei Carabinieri.
A seguito dell’episodio delittuoso, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno iniziato una attività di indagine volta ad accertare l’identità della complice della donna. Dopo neanche un’ora i militari dell’Arma riuscivano a risalire anche all’identità della seconda donna, una 26enne, denunciata in stato di libertà. La 30enne, invece, dopo essere stata dichiarata in stato di arresto per il reato di furto aggravato in concorso, è stata tradotta presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, come disposto dal pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Avellino, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *