alpadesa
  
Flash news:   Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei

Mangia funghi velenosi: è grave una 40enne residente ad Atripalda

Pubblicato in data: 20/6/2011 alle ore:13:00 • Categoria: Cronaca

raccolta-funghiMangia a pranzo dei funghi velenosi raccolti da lei stessa nei boschi di Santo Stefano del Sole, ma si sente male. E’ grave al Moscati una 40enne di Atripalda. Lotta tra la vita e la morte. La donna dopo aver consumato i funghi ad ora di pranzo (l’unica della sua famiglia) ha avvertito subito un forte malore, con vomito e nausea. Un’intossicazione vera e propria: le sue condizioni presso la Città Ospedaliera di Avellino sono molto critiche.
Dopo l’accaduto gli ispettori dell’Asl si sono recati sul luogo e hanno trovato dei funghi velenosi del tipo “amanita phalloides“, gli stessi che avrebbe mangiato la donna. Sotto osservazione anche la figlia.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *