alpadesa
  
Flash news:   Due goal per tempo e l’Avellino piega la Vis Artena Vucinic: “stiamo attraversando un periodo difficile” Venezia piega la Scandone per 76 a 65 Si amplia la sosta a pagamento in via Appia: strisce blu in arrivo dalla rotatoria della Maddalena fino al passaggio a livello. L’assessore Musto: “tutelati residenti e commercianti” “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie

Inchiesta Slot: la giornalista Cinzia Puopolo scagionata, revocati arresti domiciliari

Pubblicato in data: 27/6/2011 alle ore:20:58 • Categoria: CronacaStampa Articolo

cinzia-puopoloArresti domiciliari revocati e posizione stralciata: la giornalista Cinzia Puopolo (foto) è stata definitivamente scagionata dall’inchiesta “Slot”. Per la nota e stimata cronista di Irpinia tv e de Il Mattino si chiude – a distanza di una settimana – l’incubo in cui era ingiustamente piombata. Decisivo è stato l’interrogatorio con il gip a Napoli. La sua posizione è stata chiarita. Con le ipotesi di reato al centro dell’inchiesta che ha portato a 58 arresti per le vicende legate alle slot machine gestite da persone ritenute vicine al clan Cava, la Puopolo non ha mai c’entrato nulla. Dunque, come affermato a gran voce dal suo legale in questo giorni – l’avvocato Gaetano Aufiero – si è trattato “solo di un clamoroso errore giudiziario”.
E sempre nell’ambito della stessa inchiesta c’è da registrare anche la revoca dei domiciliari per Anna Gavitone, una delle cinque persone (insieme alla stessa Cinzia Puopolo) finite agli arresti domiciliari la scorsa settimana. Anche per la Gavitone, così come per la giornalista ed il finanziere Marciano, si è trattato di un errore giudiziario.
Arresti domiciliari, infine, per altre tre donne. Si tratta di Romina Pirone, Antonia Romano e Elodia Roselli. Tutte e tre hanno beneficiato dei domiciliari perché giovani mamme.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *