alpadesa
  
Flash news:   I volontari dell’Associazione Alvanite al fianco dei pazienti dell’Hospice di Solofra Arrestato Vincenzo Schiavone proprietario della Clinica Santa Rita Nuovo main sponsor per la squadra di ciclismo A.S. Civitas di Atripalda Lo chef Alfredo Iannaccone alla ricerca di nuovi sapori Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace

Camionista rapinato sul Raccordo Av-Sa: bloccato da tre uomini armati. Indaga la Polizia stradale

Pubblicato in data: 27/5/2013 alle ore:15:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

raccordoavsaRapina a mano armata questa mattina sul raccordo autostradale Avellino-Salerno nei pressi di Atripalda.
Un 39enne autotrasportatore di Nocera Inferiore ma residente a Pagani è stato bloccato da tre uomini armati di pistole, presumibilmente stranieri, mentre stava trasportando circa 250 chilogrammi di rame a bordo del suo camion, un Iveco Stralis. L’uomo è stato ritrovato dalla Polstrada su di una piazzola di sosta. Ha raccontato di esser stato sequestrato e poi abbandonato in quel punto. Il valore del materiale rubato e dell’autotreno sarebbe di circa 150mila euro.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *