marted� 16 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

Vendite truffa su Internet, i Carabinieri di Atripalda denunciano 40enne di Como

Pubblicato in data: 21/1/2014 alle ore:10:40 • Categoria: Cronaca

stazione2Prosegue senza sosta l’attività di contrasto ai fenomeni criminali dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino che durante lo scorso fine settimana hanno tratto in arresto in flagranza di reato due persone mentre 23 sono state denunciate in stato di libertà.
Ad Atripalda, al termine di un’intensa attività di indagine, i militari della Stazione Carabinieri deferivano in stato di libertà un quarantenne residente nella provincia di Como, responsabile del reato di truffa a mezzo internet che, dopo aver messo in vendita on-line uno smartphone di ultima generazione, riceveva il pagamento del “gioiellino tecnologico”, senza consegnare la merce all’avente diritto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *