mercoled� 17 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

Lavori abusivi sull’Appia Antica per la costruzione della rotatoria, l’assessore ai Lavori pubblici Spagnuolo: «piena fiducia nell’operato dei nostri tecnici e nell’azione della magistratura»

Pubblicato in data: 2/4/2014 alle ore:08:00 • Categoria: Cronaca

rotatoria-via-appia1«C’è piena fiducia nell’operato e nella correttezza dei nostri tecnici e allo stesso tempo nell’azione della magistratura. Abbiamo appreso la notizia dal comunicato stampa ma ad oggi non abbiamo avuto nessun atto notificato. Non entro nel merito dell’indagine ma l’auspicio è che si risolva tutto in tempi rapidi per poter così ultimare l’opera».
A parlare è l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Spagnuolo a seguito dell’indagine coordinata dalla Procura di Avellino sui lavori abusivi realizzati sull’Appia Antica per la costruzione della grande rotatoria a ridosso del raccordo autostradale Av-Sa.
Un’inchiesta scattata con i controlli del Nucleo Investigativo della Forestale che ha deferito ben sei persone all’Autorità Giudiziaria.
Un’area d’intervento che secondo gli inquirenti è di notevole interesse storico-culturale, perché attraversata dall’Appia Antica, di romana memoria e risalente al III secolo a.C..
Dalle indagini esperite dagli uomini della Forestale si è accertata l’assenza dei nulla-osta relativi al progetto di messa in sicurezza delle intersezioni stradali da parte della Soprintendenza, essendo l’area interessata dai lavori, sottoposta a vincolo storico-culturale contemplato dalla vigente normativa. Durante l’attività investigativa sono state accertate anche altre violazioni in materia di gestione illecita di rifiuti, inerentemente allo smaltimento dei materiali provenienti dal cantiere edile oggetto del controllo. Inoltre emerse diverse violazioni relative a falso in atto pubblico per condotte contro la pubblica fede, nonché ipotesi di reato di truffa.
I lavori, iniziati nel giugno 2012, sono proseguiti in questi anni a singhiozzo e con lunghe sospensioni. Uno stop legato al mancato arrivo dei fondi interministeriali che vede la partecipazione del Ministero delle Infrastrutture e di quello dell’Economia. I fondi erogati (374.965,69 euro) mediante un contributo della Regione Campania, sono per una parte a carico dello Stato (circa 284mila euro) e un’altra come compartecipazione del Comune, ente appaltante. Il cantiere ha visto l’impresa esecutrice impegnata in tuta una serie di interventi preliminari per la sistemazione dei sottoservizi e propedeutici alla realizzazione della rotatoria e di nuovi marciapiedi. Una grande rotatoria verde a forma di meridiana che nelle intenzioni dei progettisti (un pool di architetti guidati da Luigi Di Cristofano, con i professionisti Marino Nardiello, Amabile Iannaccone e la direzione dei lavori affidata all’ingegnere Mario Perrotta) scandirà le ore del giorno e le stagioni dell’anno, equinozi e solstizi, con piante che contribuiranno ad evidenziare lo scorrere del tempo cambiando naturalmente colore durante le stagioni. La rotatoria, che rientra negli interventi del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale, cofinanziato dalla Regione Campania, rappresenta un importante intervento per la sicurezza dei cittadini poiché posizionata in un punto nevralgico per la circolazione veicolare e pedonale. Da alcuni giorni però il cantiere è di nuovo fermo. «I lavori sono sospesi da alcuni giorni – conclude l’assessore Spagnuolo – perché si attende un ulteriore erogazione dei fondi ministeriali».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

9 risposte a “Lavori abusivi sull’Appia Antica per la costruzione della rotatoria, l’assessore ai Lavori pubblici Spagnuolo: «piena fiducia nell’operato dei nostri tecnici e nell’azione della magistratura»”

  1. salvo ha detto:

    a me ‘sta rotatoria non piace affatto:-> non è per niente visibile e potrebbe essere facile causa di intralcio e incidenti a causa della scarsa visione:->

  2. Marco ha detto:

    Ma si è chiesto qualche autorizzazione all’ ufficio tecnico di Atripalda? Non si sono accorti di niente?

  3. giovanni ha detto:

    ma 400.000 € , non saranno un po’ tantini per tagliare un albero, mettere qualche pozzetto e un po’ di san pietrini???

  4. ritmo tribale ha detto:

    sai che piacere se……

  5. Gennaro ha detto:

    Assessore Spagnuolo, finalmente abbiamo scoperto la sua esistenza all’interno della giunta, dopo 2 anni! Molti pensavano che Lei potesse fare il sindaco, ma evidentemente si sbagliavano. Nel suo settore, i lavori pubblici e l’urbanistica, non si fa niente. Nemmeno un casatiello, una stradina di campagna. Quando si fa qualcosa come nella rotonda di via Appia, non si rispettano le leggi sui rifiuti dei cantieri e le leggi sulla sicurezza sui lavori. Meno male che non ci sono stati incidenti, altrimenti la colpa sarebbe stata tutta sua e del suo ufficio, che non ha controllato un tubo

  6. francesco solimene ha detto:

    scusate ma durante le fasi di progettazione qualcuno del team degli architetti, pianificatori,paesaggisti,si é chiesto perché si chiama via Appia? Un pó di attenzione in piú per la prossima rotatoria!!!!

  7. raffaele la sala ha detto:

    Ancora co’ st’Appia Antica. Per favore, basta. L’Appia antica non c’entra una mazza.

  8. giò ha detto:

    don rafae’ l’appia antica è una strada storica attualmente in stato di totale abbandono, basta vedere dalle parti di s.Potito dove non c’è uno straccio di segnaletica orizzontale: che sia memoria per i posteri questa strada è costata decine se non centinaia di morti per la sua realizzazione all’epoca del terzo secolo avanti cristo quando ancora non esistevano i gps e ora vogliamo lasciarla andare in rovina solo perché è stata realizzata l’ofantina bis (strada particolarmente pericolosa soprattutto d’inverno in caso di scarsa visibilità e a velocità piuttosto elevata):-> mi meraviglio di voi uomo di cultura e particolarmente sensibile a certe cose (guardate che anche nella zona prospicente a Progress è assente la segnaletica succitata e ogni tanto si verificano incidenti)

  9. Rocco ha detto:

    È brutto da dire, ma ho fatto bene a non andare a votare alle ultime elezioni amministrative. E poi quale “grande rotatoria”… certo che mi zio pensionato muratore con 50 Milaeuro avrebbe fatto di meglio!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *