alpadesa
  
sabato 04 luglio 2020
Flash news:   Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21

Fini ad Avellino: “la Destra è stata tradita, ma è ancora viva. L’Irpinia riparta da territorio e ricerca”. Fotoservizio

Pubblicato in data: 4/4/2014 alle ore:10:36 • Categoria: Alleanza Nazionale, Politica

fini-ad-avellino2Una parabola iniziata nel lontano 1993 con il voto alle comunali capitoline e terminata, magari non del tutto, lo scorso anno con il disastro elettorale targato Futuro e Libertà. E’ quella raccontata nel libro “Il ventennio. Io, Berlusconi e la destra tradita” che l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha presentato lunedì’ scorso in un affollato convegno presso il Circolo della Stampa di Avellino. Una storia, quella raccontata dall’artefice della “svolta di Fiuggi”, culminata con il celebre frase “Che fai, mi cacci?” indirizzato al Cavaliere nella fase più buia nel Popolo della libertà.

La rottura però non può mettere da parte 17 anni di stretta collaborazione, che Fini ha ribadito di non rimpiangere: “Fra alti e bassi, per dare un chiaro indirizzo per una destra moderna”, ha detto nel corso dell’intervista pubblica con i giornalisti Generoso Picone, Alfredo Picariello e Carlo Tecce. In sala esponenti storici, come Raffaele Gregorio tra i promotori dell’incontro, e nuovi della destra avellinese ed irpina, a caccia di una nuova casa nella quale coltivare un’identità che – nonostante il periodo non proprio favorevole – resta comunque forte.”
Non a caso, ad accogliere l’ex presidente c’erano tante bandiere della defunta Alleanza Nazionale, oggi risorta sotto altre forme con i Fratelli d’Italia, che hanno contestato l’ex Presidente della Camera.
Fini, con la fondazione “Liberadestra”, ha inoltre sottolineato la necessità di “alzare il dibattito all’interno della nostra parte politica, senza settarismi e con una nuova prospettiva per chi si richiama a determinati valori”. Non manca anche un passaggio sulle prossime elezioni europee, e della futura collocazione che la nuova destra finiana avrà a Bruxelles: “L’approdo inevitabile è quello del Partito Popolare Europeo, dove convivono le grandi famiglie moderate e conservatrici del continente”.
fini-ad-avellino3fini-ad-avellino1

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Il Coordinamento dei giornalisti precari della Campania fa tappa ad Avellino

Il Coordinamento dei giornalisti precari della Campania arriva ad Avellino per parlare con tutti i colleghi irpini della Carta di Read more

A 25 anni dalla morte oggi si inaugura la mostra di pittura di Armando Rotondi al Circolo della Stampa

Una mostra, un gesto di vita a venticinque anni dalla morte: così la famiglia presenta la mostra antologica di Armando Read more

Giornalisti, due convegni nella festa del santo Patrono

Due manifestazioni in programma ad Avellino per la festività di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, domani 24 gennaio. Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Fini ad Avellino: “la Destra è stata tradita, ma è ancora viva. L’Irpinia riparta da territorio e ricerca”. Fotoservizio”

  1. Nappo Carmela ha detto:

    Fini è venuto qui Avellino perché ci sono le votazioni europee del 25 maggio. e’ venuto per farsi una passeggiata, i politici si fanno vedere solo quando ci sono le votazioni se no non si fanno vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *