marted� 16 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

Dolore e lacrime per l’addio all’ex assessore e segretario Pci Biagio Venezia. Foto

Pubblicato in data: 26/5/2014 alle ore:08:00 • Categoria: Cronaca

funerali-biagio-venezia3

Dolore e lacrime per l’addio all’ex assessore comunale Biagio Venezia, morto prematuramente a 65 anni. In una chiesa gremita, quella di Sant’Ippolisto Martire, si sono svolti ieri pomeriggio i funerali dell’ex componente delle Amministrazioni Piscopo prima e Alberta De Simone poi. Segretario cittadino del vecchio Pci, persona onesta e di grande levatura morale, conoscitore delle radici della città che nutriva con la passione per la fotografia. Preziosi anche i suoi scritti. Forte il dolore dell’intera comunità che ieri si è stretta intorno alla moglie Assunta Iantosca e alle figlie Antonella, Rossella e Simona,.
“Siamo rimasti sgomenti per la sua scomparsa – ha ricordato il parroco Don Enzo De Stefano nell’omelia – sempre presente con la macchina fotografica per cogliere i momenti di Atripalda e consegnarli alla storia. Invito a pregare per lui”.
funerali-biagio-venezia1Commosso il ricordo del compagno di partito, l’ex vicesindaco Antonio Tomasetti, che ha tracciato la figura dell’uomo e del politico che si è impegnato nel 900 per migliorare questa società. “Lascia un vuoto incolmabile, ha mostrato un grande coraggio nell’affrontare la malattia. Fu segretario cittadino del Pci guidandolo con mano ferma durante un periodo di grande trasformazione”. Nella chiesa presenti tanti amministratori, l’onorevole Alberta De Simone, il primo cittadino ed il suo vice Luigi Tuccia.
“Credo di interpretare i sentimenti dell’intera comunità atripaldese nell’esprimere profondo dolore per l’improvvisa scomparsa – scrive il sindaco Paolo Spagnuolo -. Ci lascia un uomo giusto, un vecchio amministratore che negli scorsi anni ha profuso il suo impegno e la sua passione al servizio della nostra città. Leggevo, attentamente, le puntuali ricostruzioni di pagine di storia della città. Il mio pensiero affettuoso va ai familiari”.
funerali-biagio-venezia2“Il suo cuore batteva a fatica negli ultimi anni, eppure non aveva indebolito la sua voglia di vivere, la sua passione civile, l’amore per la sua città, della quale documentava eventi e folklore, storia e storie – ha affermato il capogruppo consiliare Raffaele La Sala, chiedendo dall’altare che gli venga intitolato il giardino di piazza Alpini Orta, da lui realizzato -. Ferroviere, con il piacere segreto della lettura e della ricerca, era stato militante e dirigente comunista, consigliere comunale ed assessore, senza cedimenti, deluso come tanti dalla deriva della politica, che osservava ormai senza nostalgia, per quanto ne sentisse ancora il calore di fiamma lontana. Avversario arcigno e combattivo, sempre leale, generosamente disponibile al confronto, fraterno nella diversità delle opinioni, disposto spesso a condividere un comune sentire”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *