alpadesa
  
Flash news:   Il Comune di Atripalda si affida ad una società esterna per il trattamento e la protezione dei dati personali Maltempo, paura a via Pianodardine: straripa il Fenestrelle e invade il ponte delle Filande Polemiche avvio anno scolastico, l’opposizione “Noi Atripalda” porta in Consiglio comunale la questione Stop ai disservizi, riapre di pomeriggio il cimitero di Atripalda Riapertura delle scuole in tempo di Covid, il messaggio del vescovo Aiello: “ la paura non può ritardare il desiderato primo campanello” Il viaggio in Irpinia dell’associazione atripaldese “ACIPeA” Aliquote Imu e Tari, mercoledì torna in seduta straordinaria il Consiglio comunale di Atripalda Elezioni regionali, i ringraziamenti del vicesindaco Anna Nazzaro Giovane coppia con febbre e dolori attende da 12 giorni il tampone Da oggi obbligo di mascherina all’aperto in Campania tutto il giorno: ordinanza del presidente De Luca

Emergenza lavoro, la Cgil: “Chiude la Poligrafica Ruggiero. Al suo posto subentra la International Printing. 15 operai in mobilità”

Pubblicato in data: 18/7/2014 alle ore:14:08 • Categoria: Cronaca

poligrafica-ruggieroLa storica Poligrafica Ruggiero di via Pianodardine ad Avellino (foto) chiude i battenti e per i 15 lavoratori si profila la mobilità. E’ stato siglato ieri l’accordo per la messa in mobilità delle maestranze della Poligrafica Ruggiero che non ha retto l’urto della crisi. Alla Poligrafica, con regime ridotto, subentrerà l’International Printing. Soluzione che non riuscirà, comunque a salvaguardare i posti di lavoro.
“Abbiamo siglato il concordato – spiega Antonio Famiglietti, segretario organizzativo della Cgil con delega a seguire la vertenza dei lavoratori della Poligrafica – affinché per i 15 lavoratori dello storico stabilimento irpino ci sia almeno l’ancora di salvataggio della mobilità, L’azienda, che ha rappresentato un marchio storico di Avellino e provincia non ha retto, purtroppo, ai colpi della crisi ed ai cambiamenti determinati dall’evoluzione tecnologica. Siamo rammaricati ma impotenti di fronti all’ennesima chiusura di una azienda avellinese considerando che i lavoratori coinvolti nella chiusura sono altamente specializzati e qualificati. Il subentro della International Printing, che avrà comunque un regime di produzione ridotto non consente il trasferimento dei 15 lavoratori. La chiusura della Poligrafica, ancora una volta, testimonia la difficoltà delle aziende locali a stare sul mercato, a causa della contrazione dei consumi determinata dalla politica di austerità imposta dall’Europa e dal Governo. E’ necessario imprimere al più presto una inversione di rotta alle politiche economiche e di sviluppo ed un’accelerazione ai processi per l’incremento dell’occupazione, altrimenti l’intero tessuto produttivo irpino sarà destrutturalizzato irreversibilmente”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *