domenica 21 aprile 2024
Flash news:   Sospiro di sollievo per Tonia Romano: l’ex naufraga torna a casa Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti ad Atripalda I vigili del fuoco recuperano un cagnolino dal letto del fiume Sabato Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino La Procura dispone gli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario di Avellino Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out

Aggrediscono il rivale a bastonate, padre e figlio denunciati dai Carabinieri

Pubblicato in data: 29/8/2014 alle ore:14:34 • Categoria: Cronaca

stazione-carabinieri-atripalda

Due uomini, padre e figlio, sono stati denunciati dai Carabinieri della Stazione di Atripalda, unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile, per aver aggredito e picchiato con un bastone un giovane del luogo. L’evento risale al pomeriggio del 27 agosto scorso quando i militari venivano allertati dai sanitari di un istituto privato di cura che segnalavano la presenza di un giovane ferito. Intervenuti prontamente, i Carabinieri riuscivano a rintracciare ed identificare la vittima, un 25enne del posto, che veniva in seguito trasferito e fatto visitare presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Moscati di Avellino, ove i medici gli riscontravano la frattura di un dito ed un trauma cranico con ferite lacero-contuse. Le indagini immediatamente attivate conducevano i Carabinieri ad identificare in due atripaldesi, padre e figlio, i presunti aggressori i quali, stando alla ricostruzione operata dai militari, avrebbero posto in essere la barbara aggressione in uno squallido scenario di preesistenti e di lungo corso dissapori tra la propria famiglia e quella della malcapitata vittima. La perquisizione domiciliare eseguita nella notte dai Carabinieri consentiva il rinvenimento dell’arma, facendo così emergere un quadro indiziario a carico dei due tale da far scattare il loro deferimento in stato di libertà, alla Procura della Repubblica del Capoluogo irpino, per i reati di lesioni personali e porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *