alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

«Dacci i soldi o distruggiamo tutto», tentano di estorcere denaro al titolare di un nuovo locale notturno in città: tre arresti

Pubblicato in data: 22/12/2014 alle ore:18:35 • Categoria: CronacaStampa Articolo

bastone teloscopico in ferroNella mattina di domenica 21 dicembre 2014 i Carabinieri della Stazione di Atripalda, congiuntamente ed in piena sinergia con quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile del capoluogo irpino hanno tratto in arresto, poiché sorpresi nella flagranza del reato di estorsione aggravata dall’aver commesso il fatto in più persone riunite, un 26enne di Mercogliano, un 42enne di San Potito Ultra ed un 22enne di Monteforte Irpino.
I tre, già noti ai militari operanti, nella notte tra sabato e domenica si sono presentati all’interno di un esercizio pubblico dove, dopo aver intimidito il disc-jockey costringendolo finanche ad abbandonare la propria postazione di lavoro, hanno intimato al titolare dell’esercizio di consegnare loro una cospicua somma di denaro contante minacciandolo di devastare il locale.
A tradirli però è stata proprio quella presunzione di impunità che li aveva portati ad agire incuranti del fatto che, per quanto si approssimasse l’orario della chiusura, all’interno del locale vi erano ancora alcuni avventori i quali hanno intuito che qualcosa di anomalo stava accadendo e, ad evidente testimonianza del fondamentale ruolo rivestito dalla partecipazione del cittadino alla tutela della sicurezza pubblica, non hanno esitato a dare l’allarme sul 112 del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, permettendo agli uomini dell’Arma di giungere con determinante tempestività sul posto.
Stazione carabinieri AtripaldaI militari sono riusciti così a bloccare ed identificare i giovani che, all’esito di perquisizione, sono stati altresì trovati in possesso di un bastone telescopico in ferro, immediatamente sequestrato. L’attività di indagine immediatamente avviata e condotta in modo certosino con il coordinamento della Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo, ha consentito ai Carabinieri di ricostruire compiutamente l’intera vicenda cristallizzando le evidenze della flagranza di reato e facendo sì che ai polsi dei tre presunti estorsori, ormai messi di fronte alle loro responsabilità, scattassero le manette.
Una volta espletate le operazioni di rito presso il Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, gli arrestati sono stati tutti associati alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino nell’attesa di comparire dinnanzi al Giudice per le Indagini Preliminari in udienza di convalida.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *