alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Rapinarono e picchiarono tabaccaio di via Aversa, si aprono le porte del carcere: 3 anni da scontare per gli autori

Pubblicato in data: 7/3/2015 alle ore:11:09 • Categoria: Cronaca

tabacchino-via-aversaI Carabinieri delle Compagnie di Avellino e Baiano, nel corso di un’attività congiunta, hanno tratto in arresto tre uomini, due italiani ed un marocchino, condannati in via definitiva per il delitto di rapina. Le catture sono state eseguite, su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo, dai militari delle Stazioni di Mercogliano e Monteforte Irpino.
I tre, nel mese di novembre 2013, avevano messo a segno una efferata rapina ai danni di un tabaccaio di Atripalda il quale, nell’occorso, riportò lesioni in quanto venne brutalmente aggredito alla testa con un corpo contundente. Fu solo grazie alla tempestività di intervento ed al certosino lavoro di indagine, condotto incrociando dati emergenti dai controlli del territorio con le immagini riprese dagli impianti di videosorveglianza, che i Carabinieri, coordinati dalla Procura di Avellino, riuscirono in poche ore ad identificare i tre e raccogliere a loro carico gravi indizi di colpevolezza tali da ottenere, nei loro confronti, l’emissione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto che portò al loro arresto e contestuale sottoposizione a custodia cautelare.
La condanna in via definitiva, oltre ad avvalorare la genuinità dell’operato degli investigatori dell’Arma, ha fatto sì che i tre rapinatori sono stati inchiodati alle loro responsabilità e per essi sono aperte le porte della Casa Circondariale di Bellizzi Irpino, dove salderanno il proprio debito con la giustizia scontando pene che vanno dai tre anni e due mesi ai tre anni e dieci mesi di reclusione.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *