alpadesa
  
Flash news:   Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno Ciclismo, presentata la formazione A.S. “Civitas-Profumeria Lucia“ per la stagione agonistica 2020 Bando di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

Rissa in un condominio ad Alvanite, denunciate 5 persone dai Carabinieri

Pubblicato in data: 21/9/2015 alle ore:15:02 • Categoria: Cronaca

alvanite1I Carabinieri della Stazione di Atripalda, congiuntamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino, hanno deferito in stato di libertà cinque persone poiché resesi responsabili di rissa aggravata.

I militari sono intervenuti presso un condominio poiché sul 112 del Comando Provinciale di Avellino era pervenuta la segnalazione di un’animosa zuffa in corso. All’arrivo delle Gazzelle dell’Arma una apparente calma si era già ristabilita nel palazzo ad Alvanite, ma ciò non ha convinto gli investigatori che hanno comunque deciso di approfondire la vicenda avviando attività di indagine.

I Carabinieri hanno così ricostruito che due nuclei familiari, per pregressi dissapori legati a questioni condominiali, si erano fronteggiati e, passando senza soluzione di continuità dalle parole alle vie di fatto, avevano fatto scoccare la scintilla da cui si era scatenata la rissa nel corso della quale era anche spuntato un bastone, successivamente rinvenuto e sottoposto a sequestro.

Quattro dei cinque contendenti, due uomini e tre donne tutti di età compresa tra i 21 ed i 51 anni, a seguito dell’alterco erano stati costretti a ricorrere alle cure del Pronto Soccorso per le lesioni riportate e si erano pertanto già allontanati dal luogo, ma sono stati prontamente rintracciati ed identificati dagli uomini dell’Arma.

Alla luce delle evidenze raccolte i Carabinieri hanno provveduto a far scattare a carico di tutti e cinque la denuncia in stato di libertà, per il delitto di rissa aggravata, alla Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Paura in via Manfredi, fiamme in un appartamento per un corto circuito: anziana salvata dai Vigili del Fuoco. Fotoservizio

Incendio in un appartamento di via Manfredi: anziana salvata dai Vigili del Fuoco e trasportata in ospedale. La donna, 80enne, Read more

Sant’Antonio di Padova, Santa Messa e processione con il giglio bianco per il Santo dei Miracoli. Foto

Santa Messa e solenne processione per le vie della città in onore di Sant'Antonio di Padova. Tantissimi i fedeli che Read more

La tradizione che si rinnova sotto la neve, acceso l’unico falò in piazza Umberto in onore del Santo Patrono Sabino. Fotoservizio

L'emergenza neve non ferma la fede la devozione verso San Sabino. La tradizione che si rinnova in piazza Umberto I Read more

Concerto di Natale e premiazione Uisp nella Dogana dei Grani. Guarda le Foto

Musica e aria natalizia per il concerto di fine anno degli alunni della scuola media Masi di Atripalda (foto Antonio Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *