alpadesa
  
Flash news:   È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta” Serie B, l’Atripalda Volleyball cade in casa contro Taranto Calcio, sonora sconfitta per l’Abellinum Nuova centralina dell’Arpac per il rilevamento delle polveri sottili in via Pianodardine sul tetto della “Masi”, il sindaco: “richiesta al tavolo in Prefettura, no alla fonderia”

Milano mette le mani sulla Supercoppa: Scandone battuta per 72 a 90

Pubblicato in data: 26/9/2016 alle ore:17:21 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Armani Milano-Sidigas AvellinoMilano alza la Supercoppa e batta la Sidigas Scandone Avellino che regge due quarti nella finale di ieri. L’EA7 inizia subito bene con un break di sette punti firmato dal duo Simon-Dragic. Cinciarini e Dragic permettono l’allungo, ma Obasohan e Leunen permettono ad Avellino di tornare in gara per il 13-13. Simon, Cinciarini e Macvan permettono il nuovo allungo. Avellino non demorde e si avvicina nuovamente grazie a Ragland (18-20). Il quarto si chiude a 19 a 23.  Nella ripresa Hickman a canestro, Green e Thomas fanno tremare i tifosi di casa:21- 25. Sanders permette all’Armani di portarsi sul più sette. Avellino trova un break di 6 a 0 (29 a 33). Ultimi secondi del tempo, c’è la reazione dei biancoverdi che chiudono con una tripla di Green e un canestro da sotto di Cusin. Il secondo quarto si chiude 34 a 44. Dopo la pausa lunga
Randolph e Leunen permettono di accorciare le distanze. Dragic e Cinciarini allungano. Sacripanti rilancia Fesenko e Green per cercare di rimettere in piedi la Scandone senza, però, ottonere effetti di sorta. Dragic e Pascolo permettono a Milano di andare sul più ventuno (42-63). Green va a segno da tre accorciando a diciotto le lunghezze di svantaggio. Fesenko becca due tecnici (ed esce per cinque falli), McLean uno: si va all’ultimo riposo sul 51-67 per Milano.
Nell’ultimo quarto Thomas porta il punteggio a meno tredici. Kalnietis e Sander rispondono presente e Milano vola, toccando i diciannove punti di vantaggio. Milano raggiunge il più ventisei: (62-88 a 3’ dalla fine). Ragland prova a tenere i lupi a galla. Finisce 72 a 90: la Supercoppa va all’EA7.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Milano mette le mani sulla Supercoppa: Scandone battuta per 72 a 90”

  1. d ha detto:

    PER ME HA VINTO L’ARMANI MA POTEVE BENE VINCERE LA NOSTRA SCANDONE KE ERANO I PIU’ BBRAVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *