alpadesa
  
Flash news:   AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te

Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO

Pubblicato in data: 18/3/2019 alle ore:12:10 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

«Sulle incombenze e incompetenze nella sanità irpina dobbiamo dire la nostra ad alta voce e avere il coraggio di parlare. Dobbiamo dirlo nei luoghi istituzionali. C’è bisogno di un confronto e dialogo con tutte le parti sociali, i sindacati, l’ordine dei medici e tutte le istituzioni, anche quelle che non hanno competenza, perché noi siamo qui per portare i problemi che le associazione e le categorie ci sottopongono. Il tempo dei pupari è finito. Abbiamo una Provincia libera con un presidente libero che può dire quello che vuole  perché non legato a nessuno». E’ l’appello che il Presidente della Provincia di Avellino, Domenico Biancardi, intervenuto ieri mattina ad Atripalda, fa al tavolo tecnico promosso da Primavera Irpinia  sul tema: “La sanità irpina alla luce della politica sanitaria regionale. Quale futuro?”. Un confronto con i medici di base e specialisti irpini. Il primo inquilino di Palazzo Caracciolo chiede maggiore attenzione e un confronto alla Regione Campania: «C’è bi bvncxsogno di una sanità che venga incontro alle reali esigenze del territorio. Bisogna capire la regione come fa a stanziare i fondi su base di quale programmazione». Esorta ad avere maggiore coraggio: «Abbiamo un provincia molto vasta, conosciamo l’Irpinia, le sue problematiche e le esigenze che ha ormai da anni che non vengono purtroppo correlate a soluzioni. Abbiamo delle aree carenti, come sindaco nei passati mesi ho fatto una lotta per l’attività della guardia medica e della medicina di base nel baianese. Sappiamo che la Regione distribuisce i fondi tra le province sulla base di un criterio e poi tocca all’Asl provinciale fare un piano di investimento. E qui che noi chiediamo maggiore attenzione».
Ribadisce la disponibilità dell’Ente di piazza Libertà a farsi portavoce delle istanze: «Sebbene non abbia la competenza sulla sanità si può utilizzare la Provincia come megafono per tenere alta l’attenzione sul territorio» ribadendo che c’è «bisogno di maggiore coraggio. Tutti quanti insieme, la politica, deve alzare la testa e dire con grande libertà il proprio pensiero. Non è una questione di colore politici ma di competenze». Tiene a rimarcare inoltre che: «la mia elezione, è il risultato della decadenza dei pupari in Irpinia». Porta al tavolo, come esempio di cattiva politica anche l’infinita telenovela del centro autismo di Valle rivendicando di aver risolto:«un problema di viabilità provinciale. Rischia però di diventare  un’altra struttura senza gestione che poi rischia di essere vandalizzata. Aspettiamo il prossimo incontro di fine mese. Anche qui bisogna lavorare in sinergia. Però poi quando mi si risponde che non ci sono fondi, in quel caso non posso farci nulla: allora Regione e Asl devono poter portare maggiori servizi alla nostra provincia».
Per il coordinatore provinciale della Lega Sabino Morano :«ancora una volta Primavera Irpinia ha voluto organizzare questo convegno perché noi siamo la politica che vuole ascoltare, che vuole parlare con chi opera nella sanità, con i medici, con chi si confronta con i problemi di tutti i giorni. Vengono fuori delle criticità assolute per quanto riguarda le impostazioni generali della sanità, criticità che molto spesso hanno delle responsabilità precise e noi ci candidiamo come associazione politica, che ha la sua declinazione nel partito di cui sono segretario provinciale, ad essere portavoce di queste istanze».
Ad introdurre i lavori il coordinatore cittadino di Primavera Irpinia, Massimo Bimonte ed Errico Venezia, responsabile della Sanità di Primavera Irpinia: «un secondo incontro che segue quello dello scorso anno
sulla sussidiarietà sul territorio. Non abbiamo però avuto ancora risposte concrete da parte delle autorità proposte». Adelchi Silvestri sottolinea l’importanza di una maggiore e migliore integrazione delle varie componenti della Sanità, ospedali Moscati, Asl con i distretti sanitari, medici di base, specialisti e case di cura. L’ex sindaco di Montemarano e medico Mario Marino: «Bisogna cambiare la struttura sul territorio».
Il medico Rosa Santoro di Calstelfranci evidenzia  le criticità dell’ospedale di Sant’Angelo dei Lombardi «dove non c’è un pronto soccorso di emergenza, lunghe liste di attese».  Antonio Cione chiede infine  che venga calata  «un’organizzazione a misura del territorio altrimenti si rischia di creare dei castelli di sabbia».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *