alpadesa
  
Flash news:   L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città

Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto

Pubblicato in data: 18/10/2019 alle ore:20:52 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Sentenze pilotate, nuovi arresti nell’ambito delle indagini sulla commissione tributaria di Salerno: eseguita una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip, per altri sette indagati tra giudici, funzionari, commercialisti e imprenditori, per corruzione in atti giudiziari. Le indagini avevano portato lo scorso 15 maggio all’arresto di 14 persone. In azione la guardia di finanza di Salerno su ordine della procura salernitana. Gli approfondimenti investigativi avrebbero permesso di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti di pubblici ufficiali e imprenditori.

Fondamentali anche le informazioni ricevute dai precedenti indagati finiti in manette che, durante gli interrogatori, avrebbero ammesso le proprie responsabilità in relazione ad alcuni episodi di corruzione fornendo notizie anche su altri indagati e su analoghi episodi. I riscontri avrebbero così permesso di risalire ad altre 10 sentenze di secondo grado, della commissione tributaria regionale sezione distaccata di Salerno, che sarebbero state pilotate a favore di privati in cambio di denaro.

Grazie alla nuove indagini salirebbe dunque a 20 il numero di provvedimenti di secondo grado “fasulli” a partire dal 2016 al maggio di quest’anno. Sempre lo stesso il risultato: far vincere il ricorso al contribuente in cambio di soldi. Tra i capi di accusa provvisori per i quali il Gip ha ravvisato la presenza dei gravi indizi di colpevolezza vi sono la cancellazione di un debito con l’Erario di oltre 35 milioni di euro ottenuto da una società di Sarno; per un’altra società di Angri l’indebito vantaggio ottenuto supererebbe i 5 milioni di euro; per una terza società, di Avellino, invece, la somma contestata dal Fisco e annullata dai giudici raggiungerebbe quasi il milione di euro. Tra gli indagati un professionista di Avellino ha ricoperto per anni l’incarico di giudice tributario a Salerno.

Gli viene contestato il concorso in cinque episodi di corruzione in atti giudiziari, reati che avrebbe commesso non nella qualità di giudice tributario, né di quella di Consigliere, ma quale intermediario  che agiva avvalendosi della conoscenza diretta del personale amministrativo e dei giudici tributari di Salerno. Tra gli arrestati l’attuale componente del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria Antonio Mauriello, papà del presidente dell’Us Avellino, un segretario della Commissione Tributaria Provinciale, il produttore televisivo avellinese Casimiro Lieto, altri quattro tra imprenditori e commercialisti della provincia.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *