alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Cani randagi terrorizzano alcune zone di Atripalda, paura tra i residenti. Proteste anche per le deiezioni

Pubblicato in data: 6/11/2019 alle ore:13:00 • Categoria: Cronaca

Un branco di cani randagi terrorizza alcune zone di Atripalda. «Si sono avventati su di me e sono pericolosi». E’ la testimonianza di una signora che abita nelle palazzine di via Ferrovia che insieme alle zone di via Appia e della rotatoria della Maddalena sono più in apprensione. Diversi cittadini stanno infatti denunciando la presenza di un branco di cani randagi che minacciano i passanti. Secondo i residenti la zona è diventata pericolosa, sia di giorno che di sera. Gli animali minacciano e abbaiano  passanti e automobilisti. Un problema che non riguarda soltanto chi percorre le strade del quartiere a piedi, ma anche chi è in bici o su scooter. Le auto vengono rincorse. Al momento si sono verificate già un paio di aggressioni, ma i residenti hanno paura ed invitano le autorità locali a prendere provvedimenti. L’invito è rivolto alle autorità: «Prendere subito provvedimenti».
I cani molte delle volte stazionano sulla rotatoria della Maddalena in attesa del passaggio di pedoni o del transito di auto. Quasi così a voler presidiare il proprio territorio.
Sempre riguardo ai cani altre proteste arrivano da cittadini stanchi di fare slalom sui marciapiedi della cittadina del Sabato per evitare di calpestare gli escrementi canini abbandonati sui marciapiedi da padroni maleducati che non portano con se paletta e bustina per raccogliere  i bisogni dei loro amati quattro zampe da terra.
Marciapiedi sporchi da piazza Umberto alle strade dello shopping cittadino, a finire sotto accusa sono i padroni dei cani. Sono sempre più diffusi così i maleducati, che beatamente se ne infischiano di pulire i “bisogni” del proprio “fido”, scatenando le ire e le imprecazioni di residenti e pedoni.
Per fortuna, non tutti i proprietari degli amici a quattro zampe sono degli incivili: pochi però quelli che si aggirano con paletta e sacchetto al seguito, rispettano le regole e l’ambiente, ma le segnalazioni sono all’ordine del giorno e sempre più frequenti.
Si chiede perciò agli agenti di polizia municipale di contravvenzionare i trasgressori, che non si attengono alle ordinanze comunali emesse. Più volte infatti è stata annunciata, da Palazzo di città, tolleranza zero nei confronti delle deiezioni canine. Ora i cittadini chiedono un segnale forte per contrastare il vero e proprio attacco al decoro urbano a cui si assiste quotidianamente sui marciapiedi e nelle aiuole cittadine da parte dei padroni dei cani, con l’obiettivo di far leva sul senso civico dei cittadini, affinché utilizzino  la stessa cura e amore che hanno nei confronti degli animali anche verso la propria città ed i propri concittadini.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *