luned� 17 giugno 2024
Flash news:   Atripalda, finisce in carcere il 30enne denunciato dai Carabinieri per aver provocato danni a veicoli e automobilisti Torna “L’Irpinia Corre”, la storica gara podistica ad Atripalda domenica 23 giugno Europee, l’analisi del voto del circolo Fdi Atripalda Domenica a parco Acacie “Dedicato a chi non c’è più” IV edizione La Del Fes vince a Montecatini e approda in A2 L’Avellino ha scelto la sede del ritiro estivo: è San Gregorio Magno Forza Italia primo partito ad Atripalda alle Europee, l’analisi di Ermelindo Romano Atripalda, provoca danni a veicoli e aggredisce gli automobilisti: identificato e denunciato dai Carabinieri Europee, D’Agostino sostenuto da pezzi dell’Amministrazione Spagnuolo raccoglie 761 voti Europee, urne chiuse ha votato il 41,45 % ad Atripalda

Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda

Pubblicato in data: 11/11/2019 alle ore:20:30 • Categoria: Cronaca

Si è impiccato in carcere Roberto Del Gaudio, il 65enne originario di Atripalda che il 18 agosto a Torino ha ucciso la moglie Brigida De Maio, 64 anni, colpendola una trentina di volte al petto con una “sgorbia da falegname”. L’uomo, detenuto alla casa circondariale Lorusso e Cutugno, si è suicidato ieri sera. Del Gaudio aveva ucciso la moglie nel loro appartamento, in un palazzo di corso Orbassano. Dopo essersi scagliato contro la donna, aveva chiamato la polizia. “L’ho colpita con un oggetto lungo e appuntito…credo di aver ucciso mia moglie”, aveva detto. “Non ce la facevo più, assumo psico-farmaci”. L’uomo era in cura presso il Dipartimento di salute mentale di Torino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *