alpadesa
  
Flash news:   Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» L’Avellino cade a Teramo al 90’: finisce 1-0 Escalation di furti, ladri messi in fuga ad Atripalda: i Carabinieri intercettano e sequestrano auto Sicurezza edifici ad Alvanite, restano le distanze tra Amministrazione e residenti mentre l’opposizione attacca sui ritardi nei progetti già finanziati. Fotoservizio I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella

Condanna della Corte dei Conti per i tre ex dipendenti infedeli del Comune di Atripalda

Pubblicato in data: 22/11/2019 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Arriva la condanna da parte della Corte dei Conti per i tre ex dipendenti infedeli del Comune di Atripalda per danno erariale e responsabilità finanziaria. La sentenza della Sezione Giurisdizionale regionale per la Campania, composta dai magistrati Salvatore Nicolella, Robert Schülmers von Pernwerth e Benedetta Cossu è stata notificata a Palazzo di città. I tre, V.A., I.L. e I. I., queste le loro iniziali, licenziati nel 2018, sono stati condannati a pagare, in favore del Comune del Sabato la somma di 162.060,00 euro oltre alla rivalutazione monetaria e agli interessi compensativi da calcolarsi, dalla data dei singoli mandati di pagamento e sino alla pubblicazione della sentenza, secondo i criteri indicati e con obbligo di corrispondere gli interessi legali, dalla data della pubblicazione della sentenza e sino al soddisfo, sulla somma in tal modo rivalutata. Inoltre la Corte ha condannato gli stessi a pagare all’Erario, in via solidale (ma con la ripartizione, precisata in motivazione, nell’ambito del loro rapporto interno), le spese di giudizio pari a 621 euro. Ha disposto infine che il sequestro conservativo disposto ante causam nei confronti di V.A. e I.L. si converta in pignoramento nei limiti dell’importo complessivo di condanna. Tre gli indagati (V. A. e I. L. difesi dall’avvocato Luca Penna; I. I. difesa dall’avvocato Giovanni Iacobelli). Il Comune, costituitosi parte civile nel processo, è difeso dall’avvocato Carmine Freda.
Un’indagine complessa quella condotta dalla Procura di Avellino, diretta dal dottor Rosario Cantelmo, con la Squadra Mobile della Questura di Avellino, guidata dall’allora capo dottor Marcello Castello, visto la mole di documentazione contabile sequestrata e visionata dagli investigatori.
Inchiesta partita alla fine di febbraio 2015 proprio dalla denuncia presentata in Questura dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo.
Un quarto dipendente, dopo la condanna a 2 anni e mesi 4 di reclusione in primo grado, ha presentato ricorso in Corte d’Appello, rassegnando le dimissioni dal Comune. Prosciolto invece per prescrizione un quinto indagato dell’inchiesta.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *