venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto

Assolti perché il fatto non sussiste due coniugi atripaldesi

Pubblicato in data: 15/12/2021 alle ore:13:47 • Categoria: Cronaca
Assolti perché il fatto non sussiste due coniugi atripaldesi. L’accusa era dei reati artt. 110-633-639 bis c.p. e artt. 10-13-169 D.L.vo 42/04 perché in concorso morale e materiale tra loro, quali committenti eseguivano in assenza di autorizzazione della Soprintendenza Archeologica, dei lavori edili, consistenti nello scavo e poi posa in opera della condotta elettrica, gas metano e fognaria.
La difesa, affidata all’avvocato Alfonso Laudonia, scegliendo il rito abbreviato ha provato l’innocenza di R. R. e C. B.. Il Tribunale di Avellino, nella persona del giudice dott.ssa Michela Eligiato, ha assolto gli imputati perché il fatto non sussiste.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *