Flash news:   Danneggiata l’auto di don Luca Monti parroco della chiesa madre di Atripalda Atripalda, Bacoli e Santa Lucia di Serino fanno squadra per la valorizzazione e promozione turistica dei territori Efficientamento energetico per la scuola primaria “Edmondo De Amicis” e la biblioteca comunale “Leopoldo Cassese” Atto vandalico all’auto del ds De Vito dopo la sconfitta a Messina: il comunicato dell’Us Avellino Nuovo presidente all’associazione di mutua assistenza “L’Indipendente” Festeggiamenti San Sabino 2023, tornano i focaroni nelle contrade: la Giunta fissa le modalità di autorizzazione semplificata Addio a Giovanni Romito, oggi il settimo nella chiesa madre Laurea specialistica alla Sapienza di Roma per la dottoressa Francesca Trezza Arrestato 43enne di Atripalda per “tentato furto aggravato” Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco anche ad Atripalda

Agguato a Quattrograna: arrestate 5 persone per tentato omicidio, due sono di Atripalda

Pubblicato in data: 16/9/2022 alle ore:13:47 • Categoria: Cronaca

Arrestate cinque persone per l’agguato del 19 ottobre 2021 a Quattrograna nel capouluogo ai danni di un 26enne. La Procura ha ipotizzato i reati di tentato omicidio in concorso, minaccia aggravata e porto abusivo di armi. Ecco il comunicato stampa:

I Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, il 13 settembre 2022, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino su richiesta di questa Procura, nei confronti di 5 persone, gravemente indiziate – allo stato delle indagini preliminari – di tentato omicidio in concorso, minaccia aggravata nonché detenzione e porto abusivo di armi o strumenti atti all’offesa.

L’attività trae origine da un agguato, occorso il 19 ottobre 2021, in una pubblica via del quartiere “Quattrograna” di Avellino, posto in essere ai danni di un 26enne del luogo. Nella circostanza, gli attentatori, sopraggiunti sul luogo a bordo di un furgone e due autovetture, armati di spranghe di ferro e mazze da baseball, avevano circondato il predetto, verosimilmente per impedirgli la fuga, mentre uno di essi esplodeva al suo indirizzo alcuni colpi di pistola cal.7,65 mm, che solo per mera casualità non attingevano la vittima, la quale riusciva fortunosamente a sfuggire all’agguato e a dare l’allarme al numero d’emergenza “112”.

Le indagini, condotte dalla Stazione di Avellino con il supporto tecnico dei militari del locale Comando Provinciale, hanno consentito d’identificare i presunti aggressori nei cinque destinatari delle misure cautelari, nonché di mettere in relazione l’agguato con alcuni episodi di violenza occorsi alcuni giorni prima presso un locale notturno del Capoluogo. Nel corso delle perquisizioni, inoltre, veniva ritrovata un’arma automatica con caricatore pieno. Altre munizioni e un teaser. I destinatari dell’odierna misura restrittiva avrebbero quindi eseguito la violenta azione nei del 26enne quale ritorsione, predisponendo l’agguato in corrispondenza dell’abitazione della vittima, ubicata nel suddetto rione avellinese.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.