domenica 23 giugno 2024
Flash news:   Il sindaco Spagnuolo verso Fi, il segretario cittadino Pd Malavena: ”condotta ambivalente” Lesioni colpose ed omessa custodia di animali, tre rinviati a giudizio: 57enne assalito da due pitbull si costituisce parte civile Rissa al bar di via Appia: tutti assolti Estorsione e incendio di auto: affidamento in prova per atripaldese Convegno del Gruppo Archeologico La Civita presso la chiesa di San Nicola False dichiarazioni:processo da rifare per atripaldese Emergenza caldo, il Consorzio A5 attiva un numero verde Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci

Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto

Pubblicato in data: 25/11/2022 alle ore:08:43 • Categoria: Cronaca

Riapre stamattina la scuola dell’Infanzia “Pascoli” dopo l’incendio di una cabina elettrica adiacente.
Tornano tra i banchi e a giocare nelle aule colorate i piccoli alunni delle due sezioni del plesso scolastico di via Antonio De Curtis, che fa parte dell’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi”, rimasto chiuso ieri a seguito dell’incendio ad una cabina elettrica adiacente alla scuola dell’Infanzia.
Le alte fiamme e la nube di fumo che si sono sprigionate dalla cabina prima del suono della campanella hanno spinto il sindaco Paolo Spagnuolo a firmare un’ordinanza di chiusa perché l’area d0ve è ubicata la scuola è rimasta priva di energia elettrica.
Immediatamente i residenti hanno allertato i vigili del fuoco del Comando provinciale di Avellino che sono intervenuti per sedare le fiamme e mettere in sicurezza l’area. Alla base dell’incendio, secondo i vigili del fuoco, ci sarebbe un guasto tecnico alla cabina.
Sul posto anche due squadre dell’Enel e una ditta che ha proceduto durante tutta la giornaa ad un intervento di manutenzione.
A recarsi sul posto ieri mattina anche l’assessore all’Istruzione Lello Labate: «Un incendio alla cabina elettrica ha causato l’interruzione dell’energia nella zona. Da qui la decisione del sindaco di chiudere il plesso scolastico ».
E il primo cittadino giunto in Comune ha immediatamente firmato un’ordinanza contingibile ed urgente predisponendo la chiusa della scuola per la sola giornata di ieri.
Sia le fiamme e la nube nera che si è alzata accanto alla scuola aveva allertato di buon ora i genitori dei piccoli bambini che frequentano le due sezioni dell’asilo. Tant’è che sui social si era diffusa già intorno alle 7.30 la notizia che aveva preso fuoco la cabina elettrica con l’invito a non portare a scuola i propri figli perché non si respirava a causa della nube sprigionata dalle fiamme.
Il plesso ha riaperto giusto un mese fa dopo un anno e mezzo di chiusura dovuta a lavori di ristrutturazione ed efficientamento energetico.
L’intervento, per l’importo complessivo di 1.178.689,40 euro, è stato effettuato con fondi incassati dalla precedente amministrazione. All’immobile è stato realizzato un cappotto termico con impianti di riscaldamento a pavimento. Si è proceduti anche alla sostituzione degli infissi nel rispetto di tutti i canoni moderni per gli asili risolvendo le problematiche che da anni affliggevano la scuola che presentava ambienti freddi, infiltrazioni di acqua piovana dal tetto e infissi vecchi. La scuola, ritinteggiata con un colore giallo, presenta così con un look più accattivante.
Gli alunni delle due sezioni dell’Infanzia in questi anni erano stati trasferiti presso le aule della “Collodi” di via Nicola Adamo.
E da questa mattina, dopo la chiusa temporanea di ieri, l’edificio scolastico dell’ex contrada Spagnola riaprirà di nuovo le porte per essere di nuovo fruibile per i piccoli studenti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *