domenica 14 aprile 2024
Flash news:   L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti La Scandone espugna Barcellona Pozzo di Gotto L’atripaldese Tonia Romano stasera in Honduras con L’Isola dei Famosi Al via i saggi archeologici a rampa San Pasquale in vista della messa in sicurezza del costone Il cardinale Ernest Simoni ad Atripalda per la conclusione del Giubileo straordinario dedicato al martirio di Sant’Ippolisto Turris–Avellino: da oggi il via alla prevendita

Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto

Pubblicato in data: 27/11/2022 alle ore:13:23 • Categoria: Cronaca

Acqua alta lungo tutta via Appia per le foglie cadute dai platani e non rimosse, le caditoie ostruite e la carenza di fogne. E’ scattata puntuale in città la protesta dei residenti e dei social per gli allagamenti che si sono registrati lungo la strada principale di accesso alla cittadina del Sabato legati alle abbondanti piogge, alle caditoie ostruite dalle foglie e alla carenza di caditoie in alcuni punti cruciali che hanno innescato sui social una nuova scia di polemiche.
Problemi che ormai da troppo tempo assillano la zona e che causano continui allegamenti quando si registrano forti temporali.
La mancata rimozione delle foglie cadute dai platani ha dato vita a veri e propri tappi che impediscono all’acqua piovana di defluire.
Con i temporali il rischio di allagamenti si fa sempre più concreto soprattutto in alcune strade molto trafficate come via Appia. Il pericolo, in caso di forti piogge, è che i sistemi di captazione delle acque piovane attualmente ostruiti da erba, foglie secche e rifiuti non riescano a “tamponare” le precipitazioni copiose. Stessi problemi anche nelle traverse di via Appia dove un gran numero di caditoie sono completamente ostruite. Le foglie non sono state rimosse e raccolte in modo da tenere sgombre le strade dall’acqua ma anche dalle polemiche che puntualmente, dopo un allagamento, impazzano sui social.
Anche sulla pagina di Facebook  di  “Abc – Atripalda Bene Comune” sono piovute critiche «Scuole aperte in mare aperto».
«Il problema non è solo delle foglie ma anche delle fogne bianche che devono essere realizzate per il deflusso dell’acqua piovana – afferma Roberto Renzulli –. Via Appia va rifatta per le fogne bianche che sono inesistenti. Nel post terremoto si è pensato solo a costruire case. L’amministrazione doveva dare priorità a ciò e non alle feste. Se non si realizzerà un sistema di deflusso delle acque piovane idoneo via Appia si allagherà sempre. Bisogna intervenire con urgenza».
Eppure la precedente amministrazione ha stanziato un anno fa quattrocentocinquantamila euro per la messa in sicurezza della viabilità comunale. I lavori dovrebbero concentreranno soprattutto su via Appia alta che si estende dopo il passaggio a livello dove tutta l’acqua piovana defluisce nella rotatoria del raccordo autostradale creando un lago.
In via Appia alta i sistemi di deflusso delle acque bianche sono del tutto assenti mentre in via Appia bassa quelli esistenti non sono sufficienti a far defluire l’acqua piovana. Stessi problemi anche nelle traverse.
Ora con l’utilizzo di questi fondi si spera di evitare nuovi allagamenti in futuro e anche nuove polemiche che puntuali arrivano con i violenti nubifragi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *