marted� 16 luglio 2024
Flash news:   Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti”

Danneggiata l’auto di don Luca Monti parroco della chiesa madre di Atripalda

Pubblicato in data: 26/1/2023 alle ore:12:21 • Categoria: Cronaca

“Ti voglio bene e ti benedico tanto tanto tanto, perché ogni volta che nella vita ho dovuto sopportare cose molto più dolorose di queste, il Signore mi ha riempito di amore. Ti auguro di essere felice, chiunque tu sia, perché questo sfregio, per me, si chiama “gioia perfetta”. Questo il messaggio che don Luca Monti, parroco della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire di Atripalda ha inviato attraverso la sua pagina Facebook a coloro che hanno danneggiato nella notte la sua auto. Don Luca, infatti, ha ritrovato la sua vettura con il vetro posteriore e laterale rotti da un grosso masso scagliato contro l’auto. Un’azione ad opera di vandali che ha turbato profondamente la comunità atripaldese.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *