sabato 02 marzo 2024
Flash news:   Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto

Due bambini aggrediti da un pitbull in via Tiratore

Pubblicato in data: 14/3/2023 alle ore:20:56 • Categoria: Cronaca

Due fratellini aggrediti da un pitbull ad Atripalda. L’episodio si è verificato in via Tiratore, teatro prima dell’estate scorsa di un episodio molto più sanguinoso.

L’animale era in giro insieme al suo padrone, ma senza guinzaglio, quando è avvenuto il fatto. Il cane si è avventato contro il piccolo di 5 anni, afferrandolo per il giubbotto. E’ subito intervenuta la sorellina del bambino che ha tentato di aiutarlo. Il cane ha fatto cadere entrambi a terra. Immediato l’intervento del papà dei piccoli e del proprietario del pitbull che ha evitato conseguenze peggiori. Per i bambini, oltre allo spavento, solo lievi ferite. Sull’episodio sono in corso le indagini da parte dei Carabinieri della locale stazione dove è stata presentata denuncia.
Proprio lungo la pista ciclopedonale che costeggia il fiume Sabato l’estate scorsa un poliziotto di Aiello del Sabato rischiò di morire sotto i morsi di due feroci pitbull mentre stava facendo footing. Dapprima ad aggredirlo fu un pitbull che era senza guinzaglio che lo morse, poi anche l’altro cane si avventò sul runner. Le ferite riportate furono diverse sia agli arti inferiori che superiori e medicate con venti punti di sutura dai medici ospedalieri.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *