mercoled� 17 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

Dolore e commozione ad Atripalda per la prematura scomparsa dello chef Giuseppe Nazzaro

Pubblicato in data: 9/11/2023 alle ore:21:27 • Categoria: Cronaca

Addio a Giuseppe Nazzaro, per tutti Peppone, simbolo della ristorazione nella cittadina del Sabato e in provincia. Una ischemia cerebrale, che lo aveva colpito giorni fa sul posto di lavoro, ieri pomeriggio lo ha sottratto per sempre all’affetto dei suoi cari.
Scompare così a 52 anni il proprietario di uno storico pub “Jack Old Pub” di via Appia che gestiva con la moglie Manuela. La comunità, che nei giorni scorsi aveva organizzato delle veglie di preghiera con il parroco don Ranieri nella chiesa del Carmine di via Roma, lo piange. Ha lottato per giorni nel reparto di rianimazione dell’Ospedale Moscati di Avellino. Ma troppo gravi alla fine sono risultate le conseguenze dell’ischemia che lo aveva colpito una settimana fa.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *