marted� 16 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

La Casa di reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi modello da esportare

Pubblicato in data: 3/3/2024 alle ore:14:10 • Categoria: Cronaca

Una delegazione del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trento e della Camera Penale di Trento composta dall’avv. Filippo Fedrizzi – membro dell’Osservatorio Carcere Nazionale dell’Unione Camere Penali – dalla Prof.ssa Claudia Battaino, dal dr. Filippo Marconi e dall’Arch. Maurizio Amerio, ha fatto visita alla Casa di reclusione “Bartolo, Famiglietti e Forgetta” di Sant’Angelo dei Lombardi (Av) al fine di studiare ed approfondire il progetto pilota “Pizzeria in Carcere”- inaugurato presso la Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi nel gennaio scorso – per esportarlo presso la Casa Circondariale di Trento.

A fare gli onori di casa, oltre alla direttrice della Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi – la dr.ssa Marianna Adanti – anche una delegazione della Camera Penale Irpina e dell’Osservatorio Carcere composta dagli avvocati Michele Fratello, Ornella Trerotola e Mauro Alvino.
La delegazione ha passato in rassegna i vari laboratori presenti presso la Casa di Reclusione che vanno dalla panificazione alla produzione di pasta, dalla sartoria alla stampa grafica per arrivare alla produzione di vino.
La Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi rappresenta un vero e proprio fiore all’occhiello per la proposta formativa e lavorativa che offre ai propri detenuti – che sono, quasi per la totalità, coinvolti in attività lavorative – tanto da spingere il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trento e la Camera Penale di Trento ad adottarlo nella Casa Circondariale di Trento.
Tale concezione rieducativa e costruttiva della pena consente ai detenuti, nell’immediato, di apprendere e svolgere una attività lavorativa qualificata per l’Amministrazione Penitenziaria e, successivamente, una volta espiata la pena, di avere maggiori possibilità di inserimento nel mondo del lavoro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *