alpadesa
alpadesa
  
Flash news:   Dolore e lacrime per la prematura scomparsa di Emilia Lepore: stamattina i funerali Domani sera inaugurazione del Christmas Park in piazza Umberto Eventi di Natale, l’associazione Cambia-Menti: “l’Amministrazione dimentica alcune associazioni sul territorio” Così non va – indumenti abbandonati fuori dai cassonetti, proteste Franco Da Dalt è un nuovo tesserato della Calcio Avellino SSD “Natale in Abbazia”: mercatini, villaggio di babbo natale, visite guidate, concerti e laboratori al Palazzo Abbaziale di Loreto a Mercogliano Torna il Pino Irpino, tour di tre giorni nelle piazze della provincia Chiude la filiale della Banca d’Italia ad Avellino Sidigas Scandone, ingaggiato il centro Patric Young L’affondo degli Amici di Beppe Grillo ad Atripalda: “Storia semiseria di un autovelox indesiderato”

Rifiuti speciali bruciati, imprenditore atripaldese denunciato dai Carabinieri

Pubblicato in data: 1/10/2012 alle ore:14:27 • Categoria: CronacaStampa Articolo

sterpaglie-fiammeContinua serrata l’azione messa in campo dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per contrastare la diffusissima pratica dell’abbruciamento di stoppie e residui vegetali, recentemente condannata dal Procuratore della Repubblica di Avellino che vi configura il reato di getto pericoloso di cose e smaltimento illecito di rifiuti, sulla scorta anche del sospetto dell’eventuale tossicità dei fumi emessi (visto il diffuso uso di sostanze chimiche). Così, anche nella giornata di ieri, nonostante fosse domenica, i militari della Compagnia di Avellino sono dovuti intervenire a denunciare 2 coltivatori, l’uno sorpreso a bruciare residui vegetali di un noccioleto a Mercogliano via Serroni, e l’altro sorpreso ad alzare una quantità enorme di polvere con la propria macchina per raccogliere le nocciole, in via Roma ad Avellino. Nella sola mattinata di oggi, invece, sono stati denunciati altri 5 coltivatori. Con i risultati di ieri, la sola Compagnia di Avellino ha già deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, per i reti poc’anzi accennati, ben 61 persone, alcune delle quali non sono state semplicemente sorprese a bruciare foglie e sottobosco, ma a creare dei veri e propri roghi tossici, mescolando alle stoppie anche materiali plastici, gomma e altre sostanze altamente inquinanti.
È il caso, registrato appunto nel fine settimana, di un imprenditore di Atripalda, sorpreso a bruciare un enorme cumulo di rifiuti speciali. In tale contesto, il maggior numero di denunce penali è stato fatto registrare nel territorio della Stazione Carabinieri di Aiello del Sabato (che da sola ha fatto ben 27 denunce), ma l’attenzione è alta in tutte le aree coltivate a nocciole, noci e castagne, visto che questo è il periodo della loro raccolta.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it